Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Scambio d'identità francesco mazzacane morto

Scambio di identità nella tragedia del residence, i genitori lo scoprono in obitorio

  • Storie

Scambio d’identità, la scoperta choc all’obitorio. Il riconoscimento del cadavere da parte dei familiari è arrivata ventiquattr’ore dopo la scoperta. A perdere la vita è Francesco Mazzacane, 24 anni, deceduto nel residence di Novegro.

Scambio d’identità, il nome della vittima è quello di Francesco Mazzacane. Resta ancora grave e ricoverato presso il Fatebenefratelli, il compagno 21enne Pietro Caputo, originario di Torre Annunziata), rimasto ancora in vita dopo aver inalato il monossido di carbonio a causa di una caldaia difettosa.

Leggi anche: “Spazio aereo chiuso”. Allarme terrorismo nei cieli italiani, choc in volo: aereo dirottato. Cosa è successo

Scambio d'identità, la scoperta choc all'obitorio Francesco mazzacane morto


Scambio d’identità, la scoperta choc all’obitorio: il nome della vittima è quello di Francesco Mazzacane

Francesco Mazzacane, 24 anni, era riuscito ad ottenere un periodo di prova all’Esselunga e attraverso una convenzione, pernottava presso una stanza nel residence Linate di Novegro. Poi l’amico, Pietro Caputo, lo avrebbe raggiunto al residence dopo aver ricevuto la notizia della convocazione per sostenere un colloquio di lavoro a Milano. Non avendo più notizie dei giovani, i familiari hanno allarmato lo staff del residence fino a quando non è avvenuta la tragica scoperta non appena varcata la soglia della porta della stanza.

Scambio d'identità, la scoperta choc all'obitorio Francesco mazzacane morto

I due sono stati trovati esanimi dai soccorritori. Sarebbero stati i soccorritori del 118, secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia di San Donato, che indagano sul caso, a fare involontariamente confusione. Infatti, sono stati trovati sul comodino i documenti di Pietro Caputo, ma il corpo privo di vita era in verità quello di Francesco.

Scambio d'identità, la scoperta choc all'obitorio Francesco mazzacane morto

Sul referto così come sul verbale dei carabinieri, erano state inserite le generalità di Caputo, 21enne nato a Pompei e residente a Torre Annunziata. Ma il riconoscimento è avvenuto da parte dei familiari di Pietro all’obitorio, quando credendolo morto hanno poi scoperto che il cadavere era in verità quello di Francesco.
Il pm Luigi Luzi ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e lesioni colpose, per ora a carico di ignoti. Residence evacuato, dunque, mentre il magistrato ha ordinato la piombatura del contatore e il vano caldaia posto sotto sequestro fino a quando non si farà maggiore chiarezza sulla vicenda.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004