Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Renzo Belli morto farmacista terremoto

Addio Renzo, il farmacista dal cuore d’oro. Aveva ospitato gli sfollati del terremoto nel suo giardino

  • Storie

È morto a causa del Covid il farmacista Renzo Belli, simbolo della generosità con il grande gesto che nel 2012, dopo il terremoto dell’Emilia Romagna, lo fece balzare alle cronache locali e non. All’epoca Belli, residente Concordia sulla Secchia (Modena), uno dei comuni colpiti dal sisma, aveva messo a disposizione degli sfollati la sua villa.

Nel giardino di casa aveva montato tende e cucine da campo, una grande tensostruttura per permettere a chi non aveva più la casa di incontrarsi, mangiare, parlare e dormire. Era il cuore pulsante della zona, dove passavano centinaia di persone a trovare conforto.

Renzo Belli morto farmacista terremoto


E lo aveva fatto in un momento molto difficile della sua vita, perché solo pochi giorni prima lui e la moglie Carla avevano perso l’amato figlio Marco, di appena 30 anni, morto in drammatico incidente stradale. Nel 2017 era stato insignito della medaglia d’oro al valor civile e l’anno seguente, in occasione del Natale ,la sua farmacia aveva donato alla popolazione di Concordia un defibrillatore cardiaco.

Renzo Belli morto farmacista terremoto

Non solo, il suo grande progetto, racconta il sito SulPanaro.net, era la costruzione di una Casa di Comunità, intitolata al figlio Marco. I funerali di Renzo Belli mercoledì si terranno nella chieda parrocchiale di Concordia, in piazza 29 maggio alle ore 15.

Tantissimi i messaggi di saluto a Renzo: “Non dimenticheremo mai la vostra simpatia e generosità, anche nel momento più buio della vostra vita”, “Esempio per tutti di quel che deve esser la bontà, l’altruismo e il voler il bene degli altri al di sopra dei propri dolori”, “Ci mancherai tanto, grazie per tutto quello che hai fatto”.