Mostruoso e incomprensibile! Un giovane papà resta in casa da solo con la sua bimba di 5 mesi. Urla, gridolini e capricci lo snervano mentre vede la tv. Al colmo della rabbia prende la piccola in braccio e quello che fa è atroce

 

Chiunque ha un bimbo lo sa e chi non lo ha, sicuramente lo immagina o lo ha sentito. I bambini piccoli sono dolcissimi e fanno una miriade di gridolini che, se per noi non hanno senso, per i cuccioli d’uomo rappresentano il loro modo di comunicare. Fanno ridere, sono teneri, ma può anche capitare che siano un po’ troppi. Ma in ogni caso sono dei bambini piccoli con le loro esigenze e i loro modi per manifestarli. Quello che proprio non si riesce a capire è come sia possibile che un padre perda la testa di fronte alla propri piccola, a tal punto da compiere un gesto orribile e irreparabile. 

Un giovanissimo padre di 21 anni colto da un moto d’ira ha fatto quello che nessun essere umano dovrebbe neanche mai pensare. E oggi le conseguenze sono atroci.
(Continua a leggere dopo la foto)



{loadposition intext}
Non riusciva proprio a sopportare i gridolini della sua bambina, lo disturbavano troppo e per questo Cory Morris un giovanissimo papà di Minnepolis negli Stati Uniti è ricorso alla violenza per far tacere  Emersyn, la sua bambina di 4 mesi. La sua rabbia è stata così forte che ha preso a pugni la piccola fino ad ucciderla e ora nessuno più potrà ascoltare la dolce neonata.
(Continua a leggere dopo la foto)

Sabato la piccola era rimasta in casa, a Minneapolis, con il papà, mentre la mamma, Jennifer Anderson, era al lavoro. Il ragazzo ha iniziato a guardare la televisione, ma la bimba non smetteva di emettere gridolini e di piangere: a quel punto Cory l’ha presa in braccio, l’ha messa sul fasciatoio e l’ha colpita con il pugno chiuso per ben 15 volte in faccia e 7 volte sul petto. Poi ha chiamato la polizia autodenunciandosi e raccontando di averla picchiata per calmarla.
(Continua a leggere dopo la foto)

Quando la polizia è arrivata, Cory aveva le mani e la maglietta sporche di sangue ed Emersyn era priva di sensi sul fasciatoio. I dottori sono subito intervenuti con un massaggio cardiaco in ambulanza, mentre  correvano verso l’Hennepin Medical Center. Ma arrivati sul posto i medici non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso dalla bimba, che aveva il volto gonfio e martoriato. La madre di Emersin ha raccontato di aver provato a chiamare il compagno per tutto il giorno, ma di aver ricevuto sue notizie solo nel pomeriggio, intorno alle 16.45, quando Cory le ha comunicato che stava per entrare in prigione per quello che aveva fatto alla bambina. 
(Continua a leggere dopo le foto)


Secondo quanto riportato dal Minneapolis Star Tribune il ragazzo ha detto alla polizia di essere malato di schizofrenia e la madre di Cory ha ammesso che il figlio soffriva di ansia e depressione, ma che lei non aveva mai pensato potesse far male alla figlia. I familiari in passato avevano consultato alcuni specialisti e lui la scorsa settimana era andato da uno psichiatra. Ora in attesa del processo e di una valutazione psichiatrica, Cory rimarrà nel carcere della contea di Hennepin, la sua una cauzione è fissata a 22 milioni di dollari.

Ti potrebbe interessare anche: 14 anni e incinta. Sconvolta e impaurita decide di nascondere la gravidanza e di non dire nulla. Poi arriva il giorno del parto e quello che fa è assurdo. Quando aprono quel cassetto, ciò che trovano è ripugnante…

Pubblicato il alle ore 19:36 Ultima modifica il alle ore 11:29