Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Morta nonna Ida Zoccarato 112 anni più anziana Italia

“Addio nonna Ida”. Morta la donna più anziana d’Italia, la sua età era un record

  • Storie

Nel pomeriggio di domenica 16 gennaio è morta Ida Zoccarato. La donna se n’è andata nel sonno, nella sua casa di Ponte di Brenta, in provincia di Padova circondata dall’amore della sua famiglia e del figlio, il 78enne Pietro Nostran. A darne notizia è il Gazzettino. Originaria di Perarolo di Vigonza, Ida Zoccarato era nata il 24 maggio 1909 ed era la donna più anziana d’Italia.

Una vita lunga e intensa, quella di nonna Ida, con due guerre mondiali e due epidemia: la spagnola, che fra il 1918 e il 1920 uccise dalle decine al centinaio di milioni di persone nel mondo, e il Covid. Proprio il Coronavirus nonna Ida lo aveva da vicinissimo: contagiata nell’autunno 2020, era riuscita a sconfiggere il virus dopo una lunga battaglia. Lo scorso maggio, quasi a 112 anni, aveva deciso di sottoporsi al vaccino Pfizer per evitare un altro contagio. In occasione del suo compleanno in tantissimi le avevano fatto gli auguri, come il presidente del Veneto Luca Zaia e Paolo Fortuna, dg dell’Usl 6.

Morta nonna Ida Zoccarato 112 anni più anziana Italia


“Nella sua incredibile biografia c’è la storia recente dell’Italia: le guerre mondiali, la vedovanza, il lavoro contadino, i figli cresciuti da sola negli anni della ricostruzione, le generazioni di nipoti e bisnipoti al suo fianco. Mi aggiungo anche io al coro di auguri che si è sollevato da ogni angolo della nostra regione per questa straordinaria ‘nonna Veneto’. La sua sfida di vita e di salute possa continuare con la tempra e la forza d’animo di sempre”, aveva scritto Paolo Fortuna.

Morta nonna Ida Zoccarato 112 anni più anziana Italia

Nella mattinata di martedì 18 gennaio, il governatore del Veneto Luca Zaia ha espresso le condoglianze alla famiglia: “Non si è mai preparati fino in fondo alla perdita di un proprio caro, anche se ha vissuto più di cent’anni. Ida Zoccarato ha superato due guerre mondiali e due grandi pandemie, una figura straordinaria di longevità e di donna che è stata protagonista, nel vero senso della parola, di una vita in continua evoluzione, intensa e ricca di ricordi che non ha mai smesso di trasmettere ai figli, ai nipoti e bisnipoti

E ancora: “Lascia un vuoto incredibile nella comunità di Ponte di Brenta che si estende a tutti i veneti che hanno letto e conosciuto la sua storia: una nonna che recentemente ha combattuto anche contro il nemico dell’era moderna, il coronavirus, affrontandolo con coraggio e con senso di responsabilità. Ecco, credo che lei sia l’esempio reale di come si affronta la vita, con tempra e forza d’animo, sempre. Nel ricordarla con gratitudine per l’amore che ha sempre dimostrato per la sua terra, invio ai familiari le più sentite condoglianze. Addio Ida, nonna veneta e nonna d’Italia”.