Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Mamma e papà sono in vacanza”. Quattro anni di bugie, poi la la figlia confessa

  • Storie

Ha mentito a tutti per 4 lunghi anni ma alla fine la verità sui suoi genitori è uscita. I fatti risalgono a giugno 2019. È da allora che nessuno ha più avuto notizie sulla coppia se non dalla bocca della figlia, oggi 36 anni. Per tutto questo tempo ha coperto la verità dicendo ad amici, parenti e medici che il padre e la madre erano in vacanza oppure malati.

E invece li aveva uccisi, come poi confessato agli inquirenti che solo a settembre scorso hanno avviato un’indagine, dopo che i medici di famiglia della coppia avevano espresso preoccupazione per gli appuntamenti mancati. A seguito di alcune perquisizioni effettuate in casa, Virginia McCullough ha ammesso di aver ucciso i propri genitori.

Leggi anche: “È morta dopo l’intervento”. Chirurgia estetica killer, la famosa muore a 33 anni


“Mamma e papà sono in vacanza”. E invece li aveva uccisi

Virignia McCullough ha avvelenato suo padre, John, 70 anni, e poco dopo accoltellato al petto sua madre Lois, 71 anni nella loro casa di Chelmsford, nell’Essex. Secondo quanto ricostruito, la donna ha nascosto i corpi nella stessa casa e continuato a vivere nella proprietà negli anni successivi.

Come detto, per coprire il duplice omicidio ha mentito a parenti e medici, dicendo che la madre e il padre non stavano bene, erano in vacanza o lontani da casa per lunghi viaggi. Si è trattata di “un’indagine estremamente complessa”, ha detto l’ispettore Lydia George. “Le azioni dell’imputata hanno avuto un impatto significativo ed emotivo sul gruppo familiare e i nostri pensieri oggi vanno innanzitutto a loro”.

I vicini hanno riferito ai media che Virginia McCullough era una persona “piuttosto loquace” ma anche come fosse diventata “un po’ strana” nell’ultimo periodo. Giovedì 4 luglio, la donna è apparsa di fronte alla Corte di Chelmsford e ammesso due capi d’imputazione per omicidio. La condanna dovrebbe arrivare il prossimo 10 ottobre. “Capirai che c’è una sola sentenza che può essere pronunciata contro di te in una circostanza come questa”, l le parole del giudice Christopher Morgan alla 36enne.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004