Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Malore nella notte, Annalisa muore a 40 anni in casa. Lascia due figli piccoli

  • Storie

Un malore all’improvviso, probabilmente un infarto, e per una donna di 40 anni non c’è stato nulla da fare. Si è sentita male quando da poco era passata la mezzanotte, inutili i soccorsi: la donna era senza vita. La tragedia è avvenuta in Piemonte a Cortemilia, piccolo comune in provincia di Cuneo. La donna era conosciuta nel paese e la piccola comunità è sotto choc. La donna aveva due figli, Marco e Vittoria, in età scolare.

Annalisa Vassallo era dipendente di un’azienda vinicola, la Fratelli Martini di Cossano Belbo. Lascia i genitori Giuliana e Mario, anche loro originari di Cortemilia, e il fratello Alberto, che era rientrato in Italia con la moglie Teresa dopo aver lavorato a lungo negli Stati Uniti. Lascia anche gli zii Mauro e Bruna con Lorenzo, Arnaldo e Massimo. Nel frattempo sul corpo della donna è stata disposta l’autopsia per definire meglio le cause della morte

annalisa vassallo morta malore


Sgomento a Cortemilia per la morte di Annalisa Vassallo, nessuno riesce a credere alla sua scomparsa. “Una notizia tristissima. In un paese come il nostro ci conosciamo ovviamente tutti e non può che rattristarci apprendere di una persona stroncata nel fiore degli anni, mentre era impegnata a crescere due splendidi ragazzi. Non possiamo che stringerci alla famiglia portando ai suoi cari l’affetto della nostra comunità”, ha detto il sindaco di Cortemilia Roberto Bodrito.

soccorsi ambulanza

Qualche giorno fa un ragazzo di 20 anni è morto dopo aver accusato un malore. Si chiamava Mirko Volpi e viveva a Palosco paese in provincia di Bergamo. Anche in questo caso sono stati inutili i soccorsi: il ragazzo è morto davanti ai genitori. Dopo una serata in compagnia di amici ha fatto ritorno a casa e poco dopo ha iniziato ad avvertire un malore. I genitori si sono spaventati, hanno chiamato il 118, ma quando i medici sono arrivati era già troppo tardi

cortemilia
cortemilia

La morte di Mirko Volpi ha sconvolto Palosco. Assiduo frequentatore dell’oratorio, non si è mai tirato indietro quando c’è stato bisogno di dare una mano: è stato tra i volontari che nella prima ondata della pandemia portavano i pasti a domicilio alle persone sole, allettate o positive. Nel piccolo comune è stato proclamato il lutto cittadino: “La comunità intera di Palosco è scossa per la drammatica notizia della prematura scomparsa del nostro concittadino Mirko Volpi, avvenuta domenica”, si legge sulla pagina Fb del Comune.