“Le ho uccise io, ma non avevo altra scelta”. Proprio lei, la giovane mamma che ha sconvolto tutti, lo confessa così, in un modo scioccante

 

È iniziato il processo a Samira Lupidi, la 24enne originaria di Martinsicuro che lo scorso 17 novembre a Bradford, in Inghilterra, uccise le sue due figlie, Jasmine Weaver di 17 mesi ed Evelyn Lupidi di tre anni, in preda ad un raptus.

(Continua a leggere dopo la foto)


Samira si è presentata in lacrime davanti ai giudici inglesi e ha cercato di ricostruire, con l’aiuto di un interprete, quei tragici momenti. Ha ammesso di aver ucciso le due figlie ed era talmente sconvolta che si è dovuta allontanare dall’aula con il permesso del giudice.

(Continua a leggere dopo la foto)

 ‘’Le ho uccise, gli ho fatto male’’, ha detto la giovane davanti alla Corte Reale della città britannica di Bradford.  I pm hanno poi ricostruito i particolari di quel terribile giorno in cui sono state uccise con nove coltellate  in una casa rifugio di Bradford dove Samira e le sue figlie erano state accolte.

‘’Se non le posso avere io, non le avrà neanche lui’’. Questa la frase pronunciata ieri in aula che a quanto pare fu ripetuta più volte, allo staff della casa famiglia, dove la giovane viveva insieme alle figlie, nei minuti successivi l’uccisione. Le coltellate inferte dalla donna non lasciarono scampo alle piccole, colpite al petto. 

(Continua a leggere dopo la foto)

Da tre anni la Lupidi viveva in una struttura protetta per donne vittime di abusi famigliari. Era stata lei stessa a chiamare la polizia dopo avere accoltellato le due bambine, Jasmine ed Evelyne, all’interno della stanza che occupava. L’autopsia aveva poi confermato che la morte delle bambine era sopraggiunta a causa dalle ferite di un’arma da taglio. 

La vicenda aveva scosso tutta la cittadina inglese. ‘’Non vogliamo speculare su questa storia» aveva detto a novembre la West Yorkshire Police, la polizia di Bradford, alla richiesta dei motivi che gli inquirenti ritenevano alla base del terribile delitto. Stesso atteggiamento del ‘Women’s refuge’, la casa famiglia dove era andata a vivere: ‘’No comment’’ risposero all’epoca alle domande del Resto del Carlino.

{loadposition intext}

I vicini sentono delle urla strazianti, chiamano la polizia che fa irruzione in casa e si trova davanti una scena agghiacciante: quello che Samira ha fatto alle figlie di tre e un anno…