Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
la storia di laura lonzi

“Sarà sempre con lui”. Laura muore a 37 anni e lascia al figlio un regalo per ogni compleanno: di cosa si tratta

  • Storie

Ci sono storie che sono esempi, bellissime e profonde dimostrazioni d’amore incondizionato che sconfiggono persino la morte. Questo viene da pensare, se scopriamo la storia di Laura Lonzi, la 37enne morta a causa di raro cancro. La donna era una mamma e una moglie e la sua scomparsa ha lasciato un vuoto enorme nella vita di Antonio e Tommaso. Laura è morta a causa carcinoma surrenale che in otto mesi non le ha lasciato scampo. Il 16 agosto avrebbe compiuto 38 anni.

Laura era nata e cresciuta a Firenze, faceva la maestra elementare a Carraia, frazione di Calenzano e quello che ha fatto per suo figlio è un gesto che vale più di mille parole. La donna infatti non poteva andarsene senza pensare a suo figlio: “Gli ha lasciato un libro per ogni futuro compleanno fino a quando sarà grande. Nostro figlio crescerà nel ricordo di sua madre anche se non ha ancora compiuto tre anni”. A raccontarlo è Antonio Salerno, il marito di Laura. “Abbiamo scoperto il carcinoma a settembre”.

la storia di laura lonzi


La storia di Laura Lonzi, morta a 37 anni: un libro al figlio fino a quando avrà 30 anni

E ancora: “Nei mesi precedenti aveva delle bollicine che la dermatologa curava con il cortisone. Poi il suo viso ha iniziato a gonfiarsi e il medico ha prescritto l’esame delle urine che ha rivelato dove cercare” racconta il marito. “A ottobre l’operazione a Careggi e poi le chemio, prima lì e poi a Ponte a Niccheri. Abbiamo visto medici in tutta Italia. Siamo andati fino in Germania per provare una nuova cura e inviato gli esami diagnostici anche negli Stati Uniti”.

la storia di laura lonzi

“Il dottor Emanuele Gori, direttore sanitario della Asl centro, vecchio amico di famiglia, e il dottor Stelvio Sestini di Prato, non ci hanno mai lasciato soli, così come l’associazione File”. La storia di Laura Lonzi però diventa un dramma: “Ad aprile Laura aveva capito che non c’era più nulla da fare da prima che lo dicessero i medici. Ha iniziato a scrivere lettere per noi, per non lasciarci soli”.

la storia di laura lonzi

“Faceva finta di passeggiare, arrivava fino all’ulivo e sotto l’albero, poi ho scoperto, girava i video per me e Tommaso, per quando non ci sarebbe stata più. Ha scritto una lettera per quando nostro figlio andrà in prima media e per accompagnarlo nei giorni più importanti della sua vita”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004