Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

La madre riconosce il bambino in una foto dell’Isis: “Riportate a casa mio figlio”

  • Storie

Ismail è stato portato il Natale scorso dal padre, Ismar Mesinovic. La madre lo ha riconosciuto in una foto insieme a un combattente dell’Isis. “Ormai aspetto da un anno, devo fare qualcosa per riavere mio figlio”, queste sono le parole della madre, Lidia Solano Herrera. Dopo aver riconosciuto il figlio in foto, Lidia ha deciso di partire con il giornalista di La7 Pablo Trincia, per un reportage che è stato trasmesso ad AnnoUno.

(Continua a leggere dopo la foto)


“Ismail non è stato rapito, ma ora deve tornare dalla sua mamma”. Il padre ha portato inizialmente il figlio dai parenti in Bosnia, ed è in qulel periodo che la madre ha sentito per l’ultima volta il bambino telefonicamente. Poi il padre è andato in Siria per combattere con il macedone Karamaleschi, ed è morto lì durante un combattimento. Ora il bimbo, nato il 4 settembre 2011, dovrebbe essere lì. Dopo la trasmissione è arrivata molta solidarietà dai social network con il richiamo: “Riportiamo a casa Ismail”.

Leggi anche: “L’Isis mi fa lavare i piatti e l’Ipod non va”, le lettere dei terroristi piagnoni

 

-->

Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004