Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Il cancro è scomparso”. Malato terminale guarisce dal tumore, il risultato dopo una nuova cura di 30 giorni

  • Storie
Paulo Peregrino guarito tumore

A Paulo Peregrino, 61 anni, è stato detto che non c’era alcuna possibilità che il suo cancro migliorasse prima di sottoporsi al trattamento innovativo ad aprile. Domenica l’uomo è stato dimesso dall’Hospital das Clínicas della Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo (USP) in Brasile. A dare la notizia Radioagência Nacional. Il 61enne aveva ricevuto la terapia cellulare CAR-T , uno dei trattamenti antitumorali più avanzati sviluppati fino ad oggi.

Implica la rimozione e l’isolamento delle cellule immunitarie conosciute come linfociti T, o cellule T, dal corpo. Queste cellule sono responsabili della lotta contro i patogeni e dell’uccisione delle cellule infette. Una volta rimosse, le cellule vengono “riprogrammate” per diventare più efficaci nel prendere di mira e distruggere le cellule tumorali. Vengono quindi reinfusi nel corpo del paziente. L’intero processo può richiedere circa 60 giorni.

Leggi anche: “Tu sei malata”. Il marito muore di overdose, lei resta con i 3 figli e poi la decisione choc

Paulo Peregrino guarito tumore


Paulo Peregrino guarisce dal tumore con una cura innovativa

La terapia cellulare CAR-T è emersa negli Stati Uniti e ha iniziato a essere utilizzata sperimentalmente per il trattamento di pazienti con cancro terminale all’inizio degli anni 2010. È stato approvato dalla Food and Drug Administration nel 2017. Sebbene la terapia abbia dimostrato di essere efficace, è costosa, costando centinaia di migliaia di dollari per paziente, e attualmente può essere utilizzata solo per trattare alcuni tipi di cancro, come il linfoma, la leucemia e il mieloma.

Inoltre, al momento è disponibile solo in alcuni paesi, tra cui Stati Uniti, Cina, Regno Unito e Australia. Peregrino è uno dei pochi brasiliani sottoposti al trattamento innovativo, con la disponibilità della terapia cellulare CAR-T molto limitata nel suo paese d’origine.

Paulo Peregrino guarito tumore

A Peregrino è stato diagnosticato un cancro alla prostata nel 2010 e poi un linfoma non Hodgkin circa dieci anni dopo, ha riferito l’agenzia di stampa A24. Aveva esaurito le opzioni a sua disposizione per il trattamento del suo linfoma, sottoponendosi a 45 sedute di chemioterapia in un periodo di cinque anni, oltre a un trapianto di midollo osseo. Poi è stato selezionato per sottoporsi alla terapia CAR-T e l’intero tumore è scomparso a seguito della terapia innovativa.

“Ora dobbiamo seguire il caso. Sappiamo che dopo un certo tempo la malattia può ripresentarsi. Si parla solo di una cura totale del cancro dopo cinque anni. Tuttavia, questo è già molto incoraggiante perché non c’era più alcun tipo di terapia per lui”, ha detto ad A24 il medico e ricercatore Vanderson Rocha della Facoltà di Medicina dell’USP, che ha partecipato al trattamento di Peregrino. Dei pochi pazienti che sono stati trattati con questa terapia in Brasile, il 60% ha visto scomparire il cancro in soli 30 giorni.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004