Ecuador rapina bambina9 mesi morta annegata

Strappata dalle braccia della mamma e gettata in piscina durante una rapina, Maria muore a 9 mesi

Strappata dalle braccia della mamma mentre faceva il bagnetto nella piscina, poi morta annegata. Così è morta Maria, nove mesi, figlia di Angela Murillo. La terribile storia arriva dall’Ecuador. La donna era intenta a fare il bagno alla piccola nel patio di casa, quando alcuni malviventi hanno fatto irruzione nell’abitazione.

Uno dei ladri ha strappato la bambina dalle braccia della mamma, mentre l’altro ha portato la donna dentro casa per farsi consegnare oro e soldi. Senza nessuno scrupolo, l’uomo ha gettato la bambina nella piscina e l’ha lasciata annegare.

Ecuador rapina bambina9 mesi morta annegata

I due uomini sono arrivati ​​in moto nella casa di San Pedro de Suma, nella provincia ecuadoriana di Manabi. Angelica ha consegnato loro loro circa 900 euro, ma insoddisfatti della somma hanno legato la mamma prima di rovistare in casa.


Ecuador rapina bambina9 mesi morta annegata

Poco tempo dopo, i ladri sono fuggiti e la donna ha iniziato a gridare per attirare l’attenzione dei vicini di casa, dove si trovava l’altra figlia dodicenne che, una volta arrivata a casa ha trovato la sorellina senza vita all’interno della piscina. Secondo quanto riferito, ha slegato sua madre, che ha cercato di rianimare la bimba, ma senza successo.

La violenza delle bande è un problema enorme nel paese sudamericano, con oltre 18.000 rapine avvenute solo a settembre. In Ecuador ci sono in media 66 rapine al giorno. Dallo scorso settembre, le rapine in casa sono aumentate del 14%, mentre il tasso di omicidi per 100.000 abitanti negli ultimi cinque anni è raddoppiato.

Pubblicato il alle ore 20:36 Ultima modifica il alle ore 20:36