“Metti la mascherina o non parto”. E la 24enne gli tossisce in faccia. Raptus assurdo, ora rischia grosso

Ha tossito in faccia all’autista del taxi perché le aveva chiesto di indossare la mascherina, per questo motivo una 24enne rischia 16 anni di carcere. Oltre all’accusa di aggressione, ci sono anche gli insulti a sfondo razziale proferiti dalle passeggere al tassista di origine nepalese.

Il 7 marzo, l’autista di Uber Subhakar Khadka ha fatto salire a bordo tre clienti. Solo dopo, si è accorto che una delle ragazze non indossava la mascherina e, come prevede la legge dello stato, ha detto loro che non poteva proseguire finché non l’avesse indossata. Da qui è esplosa una discussione. Arna Kimiai ha tossito in faccia all’autista, cercando di strappargli anche il telefono dal cruscotto per poi rompergli la mascherina. (Continua a leggere dopo la foto)


Non solo, una volta fuori dal taxi una delle donne ha spruzzato dentro al finestrino uno spray al peperoncino colpendo l’autista in pieno volto. Due delle tre clienti sono state identificate dalla polizia e Arna Kimiai è stata arrestata e processata per diversi reati gravi, tra cui aggressione, odio razziale e mancato rispetto delle norme sanitarie. (Continua a leggere dopo la foto)

Il fatto è accaduto a San Francisco e Arna Kimiai ora rischia fino a 16 anni di prigione e dovrà pagare una multa di 3mila dollari. “Abbiamo coordinato la sua resa con il sergente. Tony Santos di SFPD in modo che possa essere gestito in modo pacifico e rapido”, ha detto l’avvocato Seth Morris parlando con i giornalisti. “La donna ha agito in modo inappropriato, è stata responsabile ma ora non abbiamo altri commenti da fare”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Le regole in vigore a San Francisco per aiutare a prevenire la diffusione del Covid-19 prevedono “l’obbligo di mascherina per coprire la bocca e il naso” entro 2 metri da qualcuno che non è un membro della propria famiglia e quando si fa uso di “trasporto pubblico o commerciale”.

“Non era mai successo”. Fedez, la notizia più bella è arrivata poco fa. E l’emozione è incontenibile