Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Com’è finito lì?”. Scoperta choc nei polmoni della 29enne: medici di sasso, eppure è molto frequente

  • Storie
Inghilterra, scoperta choc nei polmoni di Rebecca Hardy

Una madre di due figli è rimasta inorridita dopo aver fatto una scoperta choc nei suoi polmoni. Rebecca Hardy, del Nottinghamshire, si era recata in ospedale per un controllo e si era accorta del fatto che il dispositivo che aveva nel braccio non era più presente. Il medico della 29enne e numerosi altri medici non erano riusciti a localizzarlo e grazie a una rx sono riusciti a trovarla in una delle sue arterie polmonari, i vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore ai polmoni.

La signora Hardy afferma che i medici l’hanno avvertita dei potenziali pericoli derivanti dalla rimozione dell’impianto, temendo che potrebbe lacerare un’arteria se rimosso. Pertanto, afferma che hanno deciso di lasciarlo dov’è. “Mi è stata data la possibilità di provare a tentare la rimozione, ma mi è stato detto che si trattava di una procedura molto pericolosa. Non c’è una probabilità del 100% che vada bene, o che sia addirittura possibile che venga rimosso. Inoltre, potrebbe peggiorare le cose per me e strapparmi l’arteria”, ha spiegato la donna al Daily Mail.

“Destino ingiusto”. Mamma e le sue due figlie morte insieme, la giornata in famiglia è finita in tragedia

Inghilterra, scoperta choc nei polmoni di Rebecca Hardy


Inghilterra, scoperta choc nei polmoni di Rebecca Hardy

“Poiché non ho avuto segni di problemi o difficoltà nel corso degli anni, ho accettato di lasciarlo dov’è e di non correre alcun rischio poiché è una procedura importante. Ho due bambini a cui pensare”, ha detto ancora. La signora Hardy non è l’unica donna il cui impianto contraccettivo impiantato nel braccio si è spostato tramite le arterie ed è arrivato nei polmoni.

Nel 2019, anche una donna di 31 anni in Portogallo ha avuto bisogno della rimozione del suo impianto dai polmoni. I medici non sono riusciti a sentire il dispositivo, che di solito può essere notato come una piccola asta dura nella parte superiore del braccio, così hanno fatto le scansioni in cui è apparso all’interno del suo petto.

Inghilterra, scoperta choc nei polmoni di Rebecca Hardy

Nel loro rapporto hanno suggerito che il dispositivo potrebbe essersi spostato dal braccio – dove dovrebbe rimanere per tre anni per rilasciare ormoni – alle vene e arterie fino ad arrivare nel polmone. Prima che Covid colpisse, i capi della sanità del Regno Unito avevano persino pubblicato delle linee guida sulla base delle crescenti segnalazioni di Nexplanon – lo stesso impianto che aveva la signora Hardy – che finiva nelle arterie. La signora Hardy, che ha condiviso la sua storia su TikTok, ha ricordato di essere stata preoccupata per il dispositivo dopo il suo inserimento nella parte superiore del braccio nel 2018.

“Non riuscivo a sentirlo nel mio braccio sinistro”, ha detto la signora Hardy, che ha due figli Lexxie, sei, e Dexter, sette.”Ho chiamato la clinica il giorno successivo dopo per dire che non riuscivo a sentirlo nel braccio, e mi hanno detto di aspettare e richiamare”. La donna si è recata in clinica per un controllo e ha affermato che le era stato detto di non preoccuparsi e che si trattava “solo di un impianto profondo”.

Invece poi la scoperta choc. Nexplanon è un impianto contraccettivo che aiuta a prevenire la gravidanza rilasciando gradualmente il progestinico nel corpo. Il progestinico impedisce alle ovaie di rilasciare un ovulo ogni mese e l’impianto è efficace al 99% nell’interruzione della gravidanza, suggeriscono gli studi. Il dispositivo di plastica è lungo circa 4 cm e viene inserito sotto la pelle del braccio e può rimanere lì fino a tre anni, secondo il Servizio Sanitario Nazionale.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004