“Bleah! Guarda che grassona schifosa si è imbucata nella nostra foto!”. Pesa 115 chili, sa di essere in sovrappeso e rifiuta di farsi immortalare con gli amici per non dover fare i conti con la propria immagine

 

Con gli anni era diventata completamente dipendente dal cioccolato, al punto che alle 10 del mattino era già intenta a divorare la quinta barretta giornaliera. Arrivati a fine serata, il conto degli snack divorati superava puntualmente la decina. In mezzo, altre mille schifezze che l’avevano portata con gli anni a ingrassare a dismisura, fino a toccare i 115 chili. Triste e infelice, alla fine ha trovato la forza di cambiare vita. Lei, Charmaine Brooks, 32 anni, sapeva di dover invertire rotta.

Ma, racconta sulle pagine del Sun, ogni volta che metteva i piedi in un supermercato non riusciva a trattenersi.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

“Ero ossessionata dal cioccolato – racconta oggi – ogni volta che durante la giornata avevo un momento libero, estraevo una barretta dalla borsa e la mangiavo golosa. Sapevo di essere grassa e proprio per questo mi defilavo sempre al momento delle fotografie. Finché, un giorno, non sono riusciti a immortalarmi”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

La ragazza si è infatti ritrovata per caso, un giorno, in una foto fatta in vacanza. Per la prima volta faccia a faccia con la sua immagine, infatti, è rimasta talmente spaventata da decidere di mettersi subito a dieta. “Ho un marito che mi ama e due figli stupendi. Mi illudevo che il mio aspetto andasse bene così, ma quell’immagine orribile mi ha fatto capire cosa dovevo fare”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

La donna è riuscita nell’impresa di perdere in pochi mesi la bellezza di 50 chili, ha vinto una lunga battaglia con la depressione che, in silenzio, portava avanti dal 2011 e oggi si dice finalmente felice: “Riesco a giocare con i miei bambini senza più affanni e fiatone continuo. Non potevo chiedere di più”.

La rivincita di Vanessa Incontrada: “Io grassa? Guardate il mio lato b e giudicate…”. Ma c’è chi dubita

Pubblicato il alle ore 11:47 Ultima modifica il alle ore 11:29