Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Ridotto così dall’alcol”. Il terribile dramma del famoso, spunta la foto choc dall’ospedale

  • Storie
Kenny Sansom ex calciatore alcol

Stava per morire a causa dell’abuso di alcol ma grazie alla sua forza di volontà è riuscito a riprendere la sua vita in mano. Oggi ha rilasciato un’intervista al Daily Mail, nella quale ha ripercorso le tappe del difficile percorso riabilitativo che lo aveva fatto cadere nell’oblio e nella povertà.

Non solo abuso di alcol, l’ex campione ha distrutto il suo patrimonio con il gioco d’azzardo. Per un periodo è stato un senzatetto e ha sofferto di una grave forma di depressione. Tempo fa avevano fatto scalpore le foto pubblicate dai media in cui si vedeva l’uomo seduto sul prato di un giardino pubblico con una bottiglia di un alcolico in mano. Una commovente storia di sfida iniziata nell’aprile 2020 e conclusa poco fa dopo quasi tre anni di riabilitazione.

Leggi anche: Si lancia col bungee jumping da 30 metri, la corda si spezza. Si salva, la scoperta choc in ospedale

Kenny Sansom ex calciatore alcol


Alcol e gioco d’azzardo, il dramma dell’ex calciatore Kenny Sansom

Nel 2020 a Kenny Sansom, ex difensore dell’Arsenal, è stata diagnostica una forma di demenza, un disturbo cerebrale conosciuto come sindrome di Wernicke-Korsakoff. L’ex calciatore era stato ricoverato in ospedale dove è stato in coma per diversi giorni. Durante il periodo buio l’ex calciatore ha fatto abuso di alcol e ha raccontato di aver bevuto fino nove bottiglie di vino al giorno e di aver avuto istinti suicidi.

Kenny Sansom ex calciatore alcol

“Mi sento benissimo, penso che ad aprile passeranno tre anni senza bere – ci vuole un po’”, ha raccontato oggi il 64enne in una intervista in esclusiva lasciata al Daily Mail. “L‘alcol mi ha rovinato la vita, questa è una cosa che posso dire con certezza. E so che adesso, lo so fisicamente, non berrò mai più”. “Torno a me stesso”, ha detto nella sua prima intervista dopo il periodo buio. Il vero Kenny. “Molte persone dicono che lui è un burlone, ama raccontare tante”, ha raccontato ancora.

Oggi la sua vita è cambiata e fortunatamente può dirsi libero dall’alcol. Kenny Sansom ha giocato all’Arsenal, con cui ha disputato oltre 300 partite, ha vestito anche le maglie di Crystal Palace, Watford, Everton, QPR e Coventry. A causa dell’abuso di alcol, l’ex calciatore è stato abbandonato dalla moglie e dai tre figli. È stato nella squadra dell‘Inghilterra, nella famosa partita dei quarti di finale dei Mondiali di Messico ’86, quella in cui Maradona segnò prima il gol con la mano, definito la ‘Mano de Dios’. Ha partecipato anche ai Mondiali del 1982 e a due edizioni dei Campionati Europei.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004