Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Adam Howe uccide la madre e si suicida in carcere

“Ce ne siamo accorti tardi”. Uccide la madre e brucia il corpo in giardino, arrestato. La scoperta in carcere

  • Storie

Adam Howe, 34enne residente nel Massachusetts, è stato accusato di omicidio in seguito alla morte di sua madre, il cui corpo è stato dato alle fiamme fuori dalla sua casa di Cape Cod, penisola che si protende nell’Oceano Atlantico nello Stato del Massachusetts, a sud est di Boston.

Adam Howe, 34 anni, è stato accusato di omicidio dopo che il procuratore distrettuale di Cape and Islands Michael O’Keefe e il capo della polizia di Truro Jamie Calise hanno affermato in una dichiarazione che secondo le prova raccolte sul posto è stato proprio lui a dare alle fiamme il corpo della donna, Susan Howe.

Leggi anche: “Allucinante”. Choc al cimitero: ogni mattina sulla tomba della ex moglie, i figli scoprono cosa fa

Adam Howe uccide la madre e si suicida in carcere


Adam Howe uccide la madre, brucia il suo corpo e si suicida in carcere

Secondo quanto riferito dalla polizia e secondo quanto riportato dal New York Post, le autorità hanno risposto intorno alle 21:30 a una richiesta di controllo in un appartamento di Cape Cod e un’altra chiamata per un incendio. Una volta raggiunta l’abitazione, gli agenti hanno trovato l’uomo nel cortile della casa vicino a un corpo di una donna che bruciava sul prato.

Adam Howe uccide la madre e si suicida in carcere

Non sono chiare le ragioni per cui l’uomo avrebbe ucciso sua madre, che era la presidente della Truro Historical Society, ma in passato l’uomo aveva avuto diversi problemi: era stato arrestato per irruzione in un’azienda a Truro ed era stato accusato di possesso di Suboxone senza prescrizione medica, un farmaco per bloccare gli effetti della dipendenza da oppiacei.

Arrivati sul posto, gli agenti della polizia hanno tratto in arresto Adam Howe, lo hanno interrogato e poi rinchiuso nel carcere in attesa di valutazione psichiatrica. Chiuso in una cella di isolamento sotto stretta sorveglianza, l’uomo è riuscito a eludere i controlli e a suicidarsi nel giro di pochi minuti. Gli agenti sono intervenuti ma ormai per il 34enne era troppo tardi. Le operazioni di rianimazione non sono servite a niente e agli agenti non è rimasto altro che constatarne il decesso.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004