“A scuola? Non ci voglio andare!”, tragedia dopo una tipica discussione familiare. “Ti ci porto a forza, se necessario”, poi il ragazzo però fa qualcosa di veramente orribile. Una storia che non avremmo mai voluto raccontare: i dettagli

“Non ci voglio andare a scuola!”, quante volte lo abbiamo detto ai nostri genitori? Rabbia, frustrazione, ma poi, alla fine, si imbracciava lo zaino e si faceva il proprio dovere (a meno che si decideva di marinare). Ma non è quello che è capitato a questa famiglia. I protagonisti di questa brutta vicenda sono nonna e nipote, lei non voleva che il giovane perdesse quell’importante incontro a scuola.

Ce lo avrebbe portato ad ogni costo, anche a costo di salire in macchina e accompagnarlo fino all’ingresso, anche se avesse dovuto trascinarlo. Alla fine però Sandra Orton, 60 anni, di Harborcreek Township, in Pennsylvania, ha perso la sua piccola battaglia familiare e non solo. Non avrebbe mai potuto immaginare che il ragazzo che tanto amava sarebbe arrivato a ucciderla solo per il fatto di aver insistito. E’ successo tutto durante la mattinata del 23 agosto 2016.

(continua dopo la foto)


{loadposition intext}

Il ragazzo, Hunter R. Reeser, un 14enne come tanti altri (almeno in apparenza) si rifiutava di andare a un meeting e sua nonna era stata costretta a montare in macchina per accompagnarlo di persona. A quel punto il giovane ha preso un fucile calibro 22 e le ha sparato un colpo in testa uccidendola. Poi ha chiamato il nonno raccontandogli di averla trovata ferita in auto, ma qualche istante dopo ha deciso di confessare tutto alla polizia chiamando il 911. I poliziotti hanno trovato il corpo di Sandra privo di vita in auto e hanno portato Hunter in cella: i giudici hanno stabilito che dovrà restare rinchiuso senza la possibilità di uscire su cauzione.

(continua dopo la foto)

Adesso dovrà attendere il processo per omicidio di primo grado. Secondo la legge della Pennsylvania, i ragazzi accusati di omicidio vengono giudicati come adulti. Gli avvocati di Hunter possono solo tentare di far spostare il processo davanti ai giudici del tribunale minorile. Ma non avranno vita facile, visto che i procuratori di Erie County hanno già fatto sapere che si opporranno strenuamente. Una storia davvero terribile.

Ti potrebbe anche interessare:  Denise ha 13 anni e un sorriso contagioso. Tre giorni fa è uscita di casa per andare a scuola e da allora è scomparsa nel nulla. L’appello della madre: “La casa è vuota senza di te, aiutateci a ritrovarla”. Condividete il più possibile…

Pubblicato il alle ore 07:49 Ultima modifica il alle ore 11:28