Francia, torna alla luce la tomba di un misterioso principe celtico


A Lavau, nella regione di Champagne, a 100 chilometri da Parigi è stata portata alla luce un’eccezionale sepoltura del V sec. A. C. che, secondo i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ricerche Archeologiche Preventive francese (INRAP), conserva i resti di un importante principe celtico non ancora identificato.








La scoperta, annunciata alcuni giorni fa dal primo ministro francese Manuel Valls, è stata descritta come “eccezionale” dagli archeologi sia per le dimensioni del sito, sia per la qualità dei reperti ritrovati. Al centro di un tumulo di 40 metri di diametro, è stata ritrovata una vasta camera mortuaria di 14 metri quadrati, una delle più ampie rinvenute dagli archeologi relativamente al periodo intorno alla fine della prima età del ferro.





Disposti in un angolo, diversi preziosi oggetti quali un cesto in bronzo, una ceramica decorata, un coltello nella sua custodia. Sorprendente è stato il ritrovamento di un calderone in bronzo, di circa un metro di diametro, con quattro maniglie ornate da alcune raffigurazioni della testa di Acheloo, un dio fluviale greco, qui rappresentato cornuto, barbuto, con orecchie taurine e tripli baffi. Il bordo del calderone è impreziosito da otto teste di leoni.


All’interno del calderone è stata ritrovata un’anfora in ceramica attica a figure nere rappresentante Dioniso disteso sotto una vigna mentre ha a che fare con una figura femminile. Intorno a lui scene conviviali di banchetto, un tema ricorrente nell’iconografia greca.

L’orlo e la base del vaso sono impreziositi da inserti d’oro, sottolineati da una decorazione in filigrana. Questo tipo di servizio di origine greco-italiana, testimonia la fusione del mondo celtico con quello mediterraneo.

Nonostante siano stati ritrovati parti di uno scheletro umano i ricercatori non hanno ancora identificato il corpo del principe e c’è da credere che, entro la fine dei lavori previsti per la fine di marzo, ci saranno nuove sorprese.

 

Leggi anche:

Ecco come il sarcofago degli sposi riprende vita

Grecia: scoperta la tomba di Alessandro Magno?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it