Altro che calcio, l’altra Italia vince e stravince

Dagli europei di Zurigo arriva un oro importante per il nostro paese. È quello di Daniele Meucci conquistato nella maratona con il tempo di 2h11’08?. L’azzurro ha tagliato il traguardo sventolando un tricolore preso dal pubblico. Per l’Italia è la terza medaglia in questa rassegna continentale, dopo l’oro di Libania Grenot nei 400 metri e l’argento di Valeria Straneo sempre nella maratona. Un gesto patriottico, di gioco di squadra perfetto ha corredato la sua vittoria: Meucci ha atteso sul traguardo Ruggiero Pertile, l’altro italiano arrivato settimo. Nella maratona Meucci ha debuttato nel 2010, dopo aver gareggiato a livello internazionale nel mezzofondo, in particolare tremila piani, cinquemila e diecimila. L’azzurro ha così completato anche la sua collezione di medaglie nella rassegna continentale dopo il bronzo di Barcellona 2010 e l’argento di Helsinki 2012 nei diecimila metri, specialità che mercoledì scorso qui a Zurigo lo aveva visto piazzarsi sesto. Con Meucci è la quinta volta che un maratoneta italiano sale in cima al podio degli europei, dopo gli ori olimpionici di Gelindo Bordin (nel 1986 e nel 1990) e Stefano Baldini (nel 1998 e nel 2006).