“Perché ha fatto così?”. Donnarumma, è successo subito dopo la parata decisiva. Il gesto notato da tutti

Gigio Donnarumma ci ha messo la mano e qualcos’altro. Due rigori parati in finale. Miglior giocatore del torneo. A 22 anni già il miglior portiere del mondo. E però, nella sua notte perfetta, c’è qualcosa che non è filato nel verso giusto. E tanti se ne sono accorti. E oggi ne parlano. Oggi che la nazionale campione d’Europa è al Quirinale per incontrare il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Con gli azzurri e il ct Roberto Mancini, reduci dal trionfo nella finale contro l’Inghilterra, c’è anche il tennista Matteo Berrettini, finalista a Wimbledon.


Sulla piazza a salutarli, ed acclamare per primo Gigio Donnarumma, un gruppo di tifosi di tutte le età. “E’ un onore essere qui al Quirinale, siamo felici di aver dato una gioia è una speranza agli italiani dopo un periodo così difficile”, dice Mancini. La delusione dei giocatori inglesi, che si sono subito tolti la medaglia dopo la premiazione, e dei tifosi “è comprensibile, dopo una partita così impegnativa risolta ai rigori”. “Abbiamo vinto a casa loro, davanti a 60 mila tifosi inglesi -ha aggiunto- mentre noi eravamo in settemila”.

Gigio Donnarumma


“Abbiamo meritato la vittoria, il gol a freddo subito da Gigio Donnarumma ci ha creato problemi nei primi 15 minuti. Poi abbiamo preso la partita in mano, avremmo meritato di chiuderla prima. Siamo felici per tutti gli italiani, per quelli che vivono all’estero e per chi è in Italia, Abbiamo regalato un mese bellissimo, abbiamo fatto qualcosa di cui non ci rendiamo conto. Siamo felicissimi per la gente, che meritava questa gioia dopo un periodo difficilissimo”, dice Mancini.


italia euro 2020

Gigio Donnarumma di ghiaccio dopo la parata decisiva

“Provo l’emozione dopo aver fatto una cosa incredibile e dopo aver visto gioire i ragazzi, che sono stati bravissimi in campo e hanno creato un gruppo straordinario in questi 50 giorni. Resteranno sempre legati in futuro, hanno creato qualcosa che li renderà indivisibili”, aggiunge prima di una dedica speciale al “presidente Paolo Mantovani”. Un’esultanza di popolo alla quale, per paradosso, non partecipato subito l’eroe. Gigio Donnarumma.

gigio donnarumma
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gianluigi Donnarumma (@gigiodonna99)


L’esultanza collettiva, infatti, parte soltanto quando le telecamere staccano dal volto quasi corrucciato di Donnarumma, per inquadrare l’esultanza di Roberto Mancini e del suo staff. Il futuro portiere del PSG ha sempre mostrato tranquillità e pacatezza anche nei momenti di gioia e felicità, ma la sua scelta di non gioire ha lasciato attoniti e soprattutto confusi moltissimi italiani, i quali si sono chiesti se davvero fossero campioni d’Europa, avendo visto che il protagonista principale sembrava lo fosse diventato senza nemmeno essersene accorto.

Pubblicato il alle ore 17:44 Ultima modifica il alle ore 17:44