Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Mi mancherete molto”. Gianni Infantino, doppio lutto: dolore in famiglia durante i Mondiali

  • Sport

Lutto per il presidente della FIFA Gianni Infantino, la notizia lo ha raggiunto mentre i mondiali di calcio sono in pieno svolgimento. Mondiali iper criticati. Critiche dalle quali non è stato risparmiato il presidente che nel suo discorso inaugurale aveva parlato per quasi un’ora difendendo il torneo e il Qatar, aspramente criticato per le condizioni dei diritti umani, la morte dei lavoratori migranti e il trattamento riservato alle persone LGBTQ. Ha aperto il suo discorso dicendo: “Oggi ho sentimenti forti. Oggi mi sento qatarino, mi sento arabo, mi sento africano, mi sento gay, mi sento disabile, mi sento un lavoratore migrante”.


Parole che avevano sollevato durissime polemiche con molti che avevano sottolineato che se fosse davvero gay, non sarebbe in grado di dirlo apertamente in Qatar, dove l’omosessualità è illegale secondo la legge islamica della Sharia. Infantino, in risposta, aveva accusato i Paesi occidentali di “ipocrisia” e contestato le critiche nei confronti del Qatar, che ospita la Coppa del mondo.

Leggi anche: Calcio, è accettabile un presidente “razzista”?

Gianni Infantino Fifa


Gianni Infantino, lutto per il presidente Fifa: morti gli zii


“Per quello che noi europei abbiamo fatto in giro per il mondo negli ultimi 3.000 anni, dovremmo scusarci per i prossimi 3.000 anni prima di iniziare a dare lezioni morali alle persone”, aveva detto il capo dell’organo di governo del calcio mondiale. Le polemiche, insomma, non sono proprio mancate. Ora però per il numero 1 della Fifa è il momento del dolore.

Gianni Infantino Fifa


Sabato sera Giacomina Minoli, 84 anni, che da tempo lottava contro un tumore, e domenica mattina il marito Aldo, che dieci giorni fa aveva avuto un infarto e si trovava in ospedale, sono morti. Se ne sono andati a meno di un’ora di distanza: erano gli zii di Gianni Infantino. Il presidente della Fifa, colpito dalla notizia, ha mandato un ricordo al Giornale di Brescia.

Gianni Infantino Fifa


“Per chi avete lasciato quel ‘per semprè è triste e difficile da accettare, però voglio immaginare che per voi rappresenti il bisogno di non rimanere lontani nemmeno adesso. A voi mi legano ricordi felici. Ero piccolo e venivo spesso a trovarvi a Piamborno, in Val Camonica. Mi divertivo, arrivavo con la mamma e il papà. Mi mancherete tanto”.

“Devo dire una cosa”. Milo Infante, la brutta notizia in diretta. La soffiata: “Lui è furioso”


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004