Sport italiano in lutto, il campione stroncato da un tumore a 27 anni: “Era un vero guerriero”

I grandi successi nello sport, poi la malattia che non gli ha lasciato scampo. È morto a 16 mesi dalla scoperta di un osteosarcoma alla gamba sinistra. L’atleta, iridato con il 4 di coppia nel 2018 e consigliere nazionale del Coni, si è spento a 27 anni.

“Tutto perfetto, tutto andava secondo programmi, ma poi, era il 13 gennaio 2020 e ancora non si percepiva la crisi pandemica, abbiamo dato la notizia che Filippo, il “Pippo nazionale”, doveva fermarsi per un problema che pareva si potesse risolvere e permettergli di tornare con i suoi compagni di barca, con la sua nazionale olimpica, e con il piglio giusto è iniziato il suo percorso verso l’agognato recupero”, il ricordo della Federazione, che lo descrive come un guerriero. (Continua a leggere dopo la foto)


“Ma oggi ad un anno, tre mesi e sedici giorni dalla scoperta della grave malattia dobbiamo dare la notizia che mai nella vita avremmo voluto dare: Pippo non ce l’ha fatta”, si legge ancora nella nota della Federcanottaggio. “Ci lascia un atleta fortissimo e un ragazzo stupendo con grandi valori”, ricorda un commosso Giuseppe Abbagnale, presidente della Federazione italiana canottaggio. (Continua a leggere dopo la foto)

“L’ho sentito pochi giorni fa, eravamo in contatto costante purtroppo negli ultimi 2-3 giorni non ha più risposto e oggi questa tragica notizia”, ha concluso il presidente. Il Coni, in segno di lutto, ha issato le bandiere a mezz’asta. Nato a Como il 18 giugno del 1994, Filippo Mondelli aveva iniziato a praticare canottaggio nel 2007, quando aveva solo 13 anni, nella Canottieri Moltrasio. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Nel 2017 era entrato nel gruppo olimpico della Nazionale Italiana di canottaggio e insieme a Luca Rambaldi aveva vinto la medaglia d’oro ai Campionati europei e la medaglia di bronzo ai Campionati del mondo. Medaglia d’oro anche l’anno successivo – ai Campionati europei di Glasgow e ai Campionati del mondo di Plovdiv – insieme a Luca Rambaldi, Andrea Panizza e Giacomo Gentili. Nel gennaio 2020 la terribile diagnosi, un osteosarcoma al ginocchio sinistro. Filippo Mondelli è morto il 29 aprile 2021.

Crolla il carico della gru, Mattia muore sotto 15 quintali di ponteggio: aveva solo 23 anni