“Ora faccio il barista”. 48 anni e vita stravolta: il vip un tempo idolo (e milionario) oggi è così

Per anni è stato l’idolo delle tifoserie di Cagliari e Juventus. Il suo tocco magico incantava il pubblico: con le sue finte ha ubriacato decine di avversari. Ogni volta sempre le stesse movenze e ogni volta difensori che cadono come birilli e lui che parte palla al piede verso la porta avversaria. Il compasso al posto dei piedi, una visione di gioco fuori dal normale tanto da meritarsi la maglia bianconera (anche se per poco tempo).

Tutto questo – e molto altro – è Fabian O’Neill, 48 anni appena compiuti. In Italia lo porta il Cagliari e in poco tempo diventa idolo della tifoseria sarda. Memorabile la sua doppietta alla Roma nel gennaio ’99. Approdò in Sardegna nel novembre 1995. L’uruguayano, rimasto nell’isola ben cinque stagioni, ha collezionato con la maglia rossoblù centoventi presenze impreziosite da dodici marcature. L’allenatore che ha maggiormente valorizzato il fantasista sudamericano è stato Giampiero Ventura. Con l’ex ct della Nazionale italiana, infatti, O’Neill ha messo in scena la sua migliore stagione: cinque gol in trentuno partite.

Fabian O’Neill oggi

Quindi il trasferimento alla Juventus nel 2000 per diciotto miliardi. Ma a Torino non trova lo stesso ambiente della Sardegna. Ha provato, non è riuscito a reggere allo stile Juventus, troppo per lui: “Per loro è un lavoro, lo prendono così. Arrivano all’allenamento con abito e cravatta, si cambiano, si allenano, si fanno la doccia e se ne vanno”. E invece Fabian O’Neill vive il calcio, come la vita, alla pari di un dribbling: palla da una parte, avversario dall’altra.


Fabian O’Neill cagliari

“Ho guadagnato quattordici milioni soldi grazie al mio agente, ma adesso li ho persi tutti fra donne, scommesse e vizi vari, e vivo da povero. A Cagliari ero un idolo, ma quando lottavamo per non retrocedere i tifosi mi gridavano ubriacone!, poi salimmo in A e quegli stessi tifosi mi pagarono da bere. Funzionava così il calcio da quelle parti”, ha raccontato una volta.

Fabian O’Neill cagliari
Fabian O’Neill juventus

Oggi la sua vita è drasticamente cambiata: fa il barista e lavora in una fattoria, ha poco denaro, tanti demoni, ma non ha rimpianti. I problemi con l’alcol lo hanno costretto anche a un ricovero d’urgenza nel luglio 2020. Il sito goal.com lo descrive così: “Ha fatto quel che si sentiva di fare. Persino un videoclip su YouTube. Mani in tasca, a sollevare la birra, a battere sul tavolo a tempo di musica. Si chiama La Parabola”.

Pubblicato il alle ore 14:27 Ultima modifica il alle ore 14:27