“Amputate le gambe dopo il Covid”. Il dramma dell’ex calciatore e opinionista tv italiano


Era stato ricoverato in ospedale il 4 novembre scorso perché positivo al Coronavirus, nel corso della degenza, i medici hanno riscontrato però un peggioramento di altre precedenti patologie, che da tempo lo affliggevano. Questo ha reso necessario l’intervento d’urgenza e i medici sono dovuti intervenire per amputargli le gambe.

A raccontare la sua drammatica storia è stato lo stesso ex campione del calcio italiano, ex difensore di Inter, Napoli e Bologna e della Nazionale italiana. Lo ha fatto nel corso di una video-chiamata con il giornalista Luca Serafini, sul sito altropensiero.net. (Continua a leggere dopo la foto)






“Il Covid mi ha tolto anche la gamba con cui feci gol al Borussia Moenchengladbach”, ha raccontato Mauro Bellugi, 70 anni, l’ex difensore che ai tedeschi realizzò l’unica rete della carriera, nella partita di Coppa dei Campioni del 3 novembre 1971, vinta 4-2 dall’Inter. (Continua a leggere dopo la foto)






Con grande forza d’animo Bellugi pensa già a poter riprendere a camminare grazie a delle protesi: “Prenderò quelle di Pistorius”, ha affermato. Appresa la notizia, il Bologna calcio ha twittato una sua foto in maglia rossoblu e il messaggio: “Forza Mauro, tutta Bologna è con te”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Dopo il ritiro Mauro Bellugi ha intrapreso per breve tempo il ruolo di allenatore in seconda della Pistoiese. In seguito è diventato opinionista per varie emittenti televisive locali, fra cui la trasmissione Diretta stadio… ed è subito goal! di 7 Gold.

Autocertificazione, ecco il modulo da scaricare per gli spostamenti di Natale e Capodanno

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it