“Con tutto il cuore”. Paolo Rossi, l’ultimo messaggio per la moglie è da pelle d’oca: il testamento di un grande uomo


Da Dino Zoff a Giancarlo Antognoni, da Beppe Dossena a Pietro Vierchowod. Gli azzurri campioni del Mondo nel 1982 piangono Paolo Rossi, da tutti conosciuto come Pablito, scomparso nella notte a 64 anni. “E’ una notizia tragica, inaspettata, lui non parlava assolutamente mai della sua malattia. E una grossa perdita, era un ragazzo intelligente e simpatico”, le parole di Zoff all’Adnkronos.

“Abbiamo vissuti tanti momenti assieme, si parla dei Mondiali ma noi eravamo assieme anche prima, c’è sempre stato un rapporto da fratelli, io ovviamente ero il maggiore, di lui porterò sempre con me il ricordo della sua grande simpatia”, conclude l’ex portiere campione del mondo a Spagna ’82. “E’ stato un grande giocatore del Mondiale ’82 e soprattutto era una persona molto sensibile, una brava persona. Ci siamo visti nella Nazionale master, era anche molto a modo, era un bravo ‘ragazzo’ anche se aveva 64 anni. Il 2020 è stato un anno veramente infausto, nato male e finito peggio”, dice Pietro Vierchowod all’Adnkronos. Continua dopo la foto






“Rossi l’ho visto dagli esordi fino a quando ha smesso, era un centravanti atipico, si vedeva poco durante la partita ma in area di rigore come arrivava il pallone faceva gol. Giocatori con queste caratteristiche di ‘rapina’ non ce ne sono, lui aveva la capacità di capire prima dove arrivava la palla anche dopo un rimbalzo o una carambola. E’ una grande perdita per il calcio mondiale. Avevo letto che non stava bene ma non pensavo che potesse lasciarci così presto”, aggiunge l’ex difensore. Continua dopo la foto






“Un altro pezzo di storia del mio amato calcio se ne va. Grande Paolo con te ho vissuto in Nazionale gli anni piu’ belli. Ti voglio bene. R.I.P”, scrive su Facebook il club manager della Fiorentina Giancarlo Antognoni, compagno di squadra di Pablito in Nazionale. “Alla notizia mi mancava l’aria e il fiato e sono dovuto uscire di casa”, dice Beppe Dossena all’Adnkronos. “Ho avuto anche un rapporto particolare con lui, nel 1982-83 abbiamo fatto una campagna pubblicitaria insieme, avevano un ristorante insieme, abbiamo passato le vacanze insieme a Ibiza e a Forte del Marmi, siamo stati a casa di Miguel Bosè, sono tanti i ricordi”, ricorda. Continua dopo la foto



 


Tra tanti messaggi fa rumore quello che Paolo Rossi ha lasciato alla moglie. “Purtroppo non riesco a dormire e sono agitato, guardo le foto che mi invii e penso al nostro grande amore. Vorrei solo dirti grazie per quello che stai facendo, per me e per le nostre meravigliose bambine. Sei davvero unica per le energie che profondi e per l’amore che riesci a dare in ogni cosa. Spero che il Signore ti possa riconoscere tutto questo. Darti tutto quello che meriti”.

Ti potrebbe interessare: “Gli ho detto ‘Vai, lasciati andare’. È morto tra le mie braccia”. Paolo Rossi: la moglie e le ultime ore di vita

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it