“Via al risveglio”. Alex Zanardi, la decisione dei medici: le ultime notizie sulle condizioni del campione


“E’ stata avviata in questi giorni, in accordo con la famiglia, la progressiva riduzione della sedo-analgesia” di Alex Zanardi, ricoverato nel reparto di Terapia intensiva dell’Aou Senese. Lo comunica, in una nota, la direzione sanitaria dell’azienda ospedaliera di Siena. “Attualmente, rimangono stabili i parametri cardio-respiratori e metabolici, permane grave il quadro neurologico e la prognosi rimane riservata – evidenziano i medici che seguono il campione – Ulteriori informazioni sulle condizioni di salute di Alex Zanardi verranno diffuse la prossima settimana in accordo con la famiglia”

“In seguito alla riduzione della sedazione saranno necessari alcuni giorni per ulteriori valutazioni sul paziente da parte dall’équipe multidisciplinare che ha in cura l’atleta, per permettere ogni prosecuzione del suo percorso terapeutico e riabilitativo”, concludono i medici. Continua dopo la foto






“Saranno necessari alcuni giorni per le ulteriori valutazioni da parte dell’équipe multidisciplinare che sta seguendo” Alex Zanardi, ha spiegato Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento emergenza-urgenza e dei trapianti e direttore della Uoc Anestesia e rianimazione Dea e dei trapianti dell’Aou Senese, illustrando le condizioni dell’atleta ricoverato nel reparto di Terapia intensiva. Continua dopo la foto






Nelle settimane scorse la Procura di Siena ha affidato all’ingegnere Dario Vangi, professore dell’Università di Firenze, la consulenza tecnica per compiere la perizia sulle cause e sulla dinamica dell’incidente che ha coinvolto il campione paralimpico Alex Zanardi, rimasto gravemente ferito lo scorso 19 giugno mentre percorreva con la sua handbiike la strada provinciale 146 nel comune di Pienza (Si), andando a sbattere contro un tir che procedeva in direzione opposto. Continua dopo la foto



 


L’incarico è stato conferito dal procuratore capo Salvatore Vitello e dal pm Serena Menicucci. A Vangi, docente di progettazione meccanica e costruzione di macchine al Dipartimento di ingegneria industriale, tra i maggiori specialisti in infortunistica stradale, toccherà accertare “la dinamica” con cui si è verificato l’impatto tra l’handbike di Zanardi e l’autocarro guidato da Marco Ciacci, 44 anni, trasportatore residente a Castelnuovo Berardenga (Si), al momento l’unico indagato “per atto dovuto”, come hanno ribadito più volte i magistrati.

Ti potrebbe interessare: “Un angelo in più in cielo”. Lutto per Barbara D’Urso, il dolore della conduttrice sui social

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it