Alex Zanardi, ecco come sta: l’ultimo bollettino medico


La notte è trascorsa senza variazioni del quadro clinico per Alex Zanardi, il campione paralimpico rimasto ferito in un incidente stradale il 19 giugno mentre con la sua handbike partecipava a una delle tappe della staffetta di “Obiettivo tricolore”, viaggio che vede tra i partecipanti atleti paralimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica. L’incidente è avvenuto lungo la statale 146 nel comune di Pienza.

Sottoposto ieri a un secondo intervento neurochirurgico. A distanza di circa 24 ore dalla seconda operazione alla testa, il campione paralimpico “presenta condizioni cliniche stazionarie e un decorso stabile dal punto di vista neurologico, il cui quadro rimane grave”. Oggi è stato diramato un nuovo bollettino medico dall’ospedale Le Scotte di Siena, dove è ricoverato il bolognese. (Continua a leggere dopo la foto)









Alex Zanardi si trova sempre nel reparto di terapia intensiva. “In merito alle condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte dallo scorso 19 giugno, la direzione sanitaria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese informa che, in seguito al secondo intervento di neurochirurgia a cui è stato sottoposto nella giornata di ieri, lunedì 29 giugno, il paziente a distanza di circa 24 ore dall’operazione presenta condizioni cliniche stazionarie e un decorso stabile dal punto di vista neurologico, il cui quadro rimane grave”. (Continua a leggere dopo la foto)






“Alex Zanardi – riporta ancora il bollettino – è ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva, dove resta sedato e intubato, e la prognosi rimane riservata. In accordo con la famiglia non saranno diramati altri bollettini medici in assenza di significativi sviluppi”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

La procura di Siena ha affidato all’ingegner Dario Vangi, professore dell’Università di Firenze la consulenza che dovrà ricostruire la dinamica dell’incidente occorso ad Alex Zanardi e svolgere accertamenti tecnici sull’handbike dell’ex pilota.

 

“In Italia arrivato mesi prima”. Coronavirus, ecco la scoperta al Nord

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it