Novak Djokovic e la moglie positivi al coronavirus. La notizia arrivata poco fa


Novak Djokovic positivo al coronavirus. Il tennista serbo, numero 1 del mondo, con una nota ha comunicato di aver contratto il coronavirus, come riporta l’emittente Rts. Positiva anche la moglie del tennista.”Novak Djokovic è risultato positivo al test per il Covid-19. Immediatamente dopo il suo arrivo a Belgrado, Novak e tutta la sua famiglia si è sottoposta al test per il coronavirus”, il testo del comunicato, nel quale si specifica che i figli della coppia “sono negativi”.

Djokovic si aggiunge ad una lista di tennisti e tecnici positivi: tutti i nomi sono collegati all’evento denominato Adria Tour. Viktor Troicki ha reso noto di essere risultato positivo con la moglie. Contagiati anche il bulgaro Grigor Dimitrov e anche il croato Borna Coric, insieme agli allenatori di Djokovic e Dimitrov, Marko Paniki e Christian Groh. Continua dopo la foto









Novak Djokovic si era detto preoccupato per l’eventualità che in futuro il vaccino contro il coronavirus possa diventare obbligatorio per gli sportivi o per chi viaggia. Djokovic lo ha detto in una diretta su Facebook parlando con altri colleghi serbi. “Personalmente sono contrario alle vaccinazioni, e non vorrei essere obbligato da qualcuno a fare un vaccino per poter viaggiare” Continua dopo la foto






Novak Djokovic ha aggiunto che se il vaccino diventasse obbligatorio si troverebbe a dover fare una scelta e non saprebbe dire se sarà disposto a cambiare idea, vista la sua posizione sui vaccini. Al momento non è ancora stato deciso cosa sarà della stagione di tennis di quest’anno, se riprenderà nei prossimi mesi o sarà sospesa definitivamente. Continua dopo la foto



 


Dopo le molte polemiche nate attorno alla sua dichiarazione, Novak Djokovic — che è attualmente il numero uno nella classifica ATP —ha diffuso una nota ufficiale in cui non si è detto né favorevole né contrario alle vaccinazioni, ma ha sollevato dei dubbi sulla necessità dell’obbligo per viaggiare. Ha detto di voler prendere in considerazione altre opzioni oltre alla vaccinazione, ma di non escluderla a priori e ha aggiunto: «Non sono un esperto, ma voglio poter scegliere cosa è meglio per il mio corpo. Tengo la mente aperta e continuerò a informarmi su questo argomento perché è importante e ci riguarda tutti».

Ti potrebbe interessare: “Che botta!”. Giovanni Ciacci, brutto colpo per il conduttore: la pillola da mandare giù stavolta è amarissima

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it