Alex Zanardi: arrivato l’ultimo bollettino medico. Le sue condizioni


Terza notte trascorsa in terapia intensiva per Alex Zanardi al policlinico di Siena, dove si trova ricoverato da venerdì sera dopo l’intervento neurochirurgico per i traumi al cranio e al volto riportati a seguito dell’incidente con l’handbike contro un tir lungo la stra provinciale 146 nel comune di Pienza (Si).

“Non si sono registrate novità significative”, fa sapere l’ospedale. Le condizioni di Zanardi anche se stabili restano gravi. L’ex pilota di Formula 1 continua ad essere tenuto in coma farmacologico. Intervistato da Agorà, il direttore dell’emergenza-urgenza del policlinico senese, Sabino Scolletta, ha confermato che l’ex pilota “è stabile, in come farmacologico e attaccato alla ventilazione. Nei prossimi giorni valuteremo se cominciare a ridurre la pressione dei sedativi per testare il suo stato neurologico”. (Continua a leggere dopo la foto)









“Gli scambi respiratori sono buoni, siamo molto soddisfatti”, spiega ancora il medico, che aggiunge. “Continua il neuromonitoraggio, che ci dà segni di stabilità. Questo è un segno da prendere naturalmente con cautela, perché il quadro neurologico è quello grave che desta preoccupazione”. In ogni caso, “la notte tra domenica e lunedì è passata tranquilla, siamo fiduciosi. Il percorso non sarà breve, avremo bisogno di tempo per valutare Zanardi nelle prossime settimane”. Scolletta, intervistato anche da Sky Tg24, ha spiegato che sono “buoni i parametri cardiovascolari, respiratori e metabolici”, ma “serve cautela, il cambiamento potrebbe essere repentino”. (Continua a leggere dopo la foto)






Sull’ipotesi che venga ridotta gradualmente, già dalle prossime ore, la sedazione a cui è sottoposto Zanardi, per arrivare al risveglio che permetterebbe di valutare il danno neurologico, il medico ha affermato: “Risveglio? Pensiamo più nei prossimi giorni che nelle prossime ore. Al cervello serve tempo e riposo”. Per Alex Zanardi la staffetta ‘Obiettivo Tricolore’ si è tragicamente fermata venerdì scorso, mentre con la sua handbike percorreva la Strada provinciale 146 nel comune di Pienza (Si), all’altezza del km 39+800, nei pressi del bivio per la località Sant’Anna in Camprena. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Per cause imprecisate – questa è la ricostruzione ormai consolidata degli investigatori dell’Arma dei carabinieri, guidati dal maggiore Roberto Vergato, comandante della compagnia di Montepulciano (Si) – Zanardi ha perso il controllo del mezzo in curva, è sbandato, ha invaso l’altra corsia ed è andato a urtare con la testa contro un tir che stava sopraggiungendo in direzione opposta.

“Come padre sei un esempio di vita”. Alex Zanardi, il commovente messaggio del figlio

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it