Calcio in lutto. Il calciatore trovato senza vita nel suo appartamento: “Si è suicidato”


Mondo del calcio in lutto. È morto a soli 38 anni l’attaccante Miljan Mrdaković. Il calciatore è stato trovato morto nel suo appartamento di Belgrado.  Il 6 maggio aveva appena compiuto 38 anni. Secondo quanto riportato dai quotidiani locali, il 38enne si sarebbe suicidato con un colpo di pistola alla testa.

Il corpo senza vita del 38enne è stato trovato all’interno dell’appartamento che l’uomo condivideva con la fidanzata. Sul posto sono intervenuti i medici e infermieri del pronto soccorso che ne hanno constatato il decesso e la polizia, che sta eseguendo le indagini per ricostruire la dinamica. Nato nel 1982, con un passato nella Nazionale olimpica serba, senza però mai riuscire ad esordire nella Nazionale maggiore. (Continua a leggere dopo la foto)








L’ex calciatore è riuscito a vincere in diverse nazioni e trovare la via del goal con continuità sopratutto a Cipro e Singapore. Nel 2017 Mrdaković aveva appeso gli scarpini al chiodo proprio nella sua Belgrado. Social ovviamente colmi di condoglianze per la famiglia, tra cui un figlio 16enne che come il padre sta pensando ad una carriera da calciatore professionista. (Continua a leggere dopo la foto)






Mrdaković aveva appena compiuto 38 anni, di cui più della metà passati sui campi serbi prima, e su quelli di tutto il mondo poi. Mrdakovic ha avuto una lunga carriera nel mondo del calcio. Prima nell’Anderlecht, con cui però non è riuscito ad esordire tra i professionisti. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Il calciatore ha giocato tra Serbia, Belgio, Ucraina, Portogallo, Grecia e Cina nelle squadre OFK Belgrado, Gent, Salisburgo, Metalist, Maccabi Tel Aviv, Vitoria Guimaraes, Shandong Luneng, Apollon Limassol, Ethnikos, AEK Larnaca, Jiangsu, EN Paralimni, Veria, Tampines, Levadeiakos, Vojvodina, Agrotikos e Red Belgrado.

“E quello che sarebbe?”. Alessia Marcuzzi, lo scatto sul letto è bollente ma qualcosa non torna, se ne sono accorti tutti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it