Vi ricordate Alberto Tomba, l’ex campione che ha vinto tutto quello che c’era da vincere nello Sci? Addirittura la medaglia d’oro conquistata alle Olimpiadi interruppe una serata del Festival di Sanremo. Dove lo ritroviamo e cosa fa


 

Nella sua disciplina ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Addirittura la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Calgary interruppe una serata del Festival di Sanremo: Alberto Tomba, 50, era sparito dai riflettori. È riapparso in tv sugli schermi de La7 nei Gazzetta Sport Awards 2016, la notte degli oscar dello sport italiano. La serata degli Awards, presentata da Francesco Facchinetti e Viviana Guglielmi, è stata uno spettacolo. Non solo di sport, con la musica del momento: l’apertura di Raphael Gualazzi, sul palco con “Let him live” dopo il successo di “L’estate di John Wayne”, e poi la voce di Bianca Atzeni con “La paura che ho di perderti”, e la forza di Giò Sada con “Volando al contrario”. Tomba ha ritirato il premio Legend, consistente nella consegna di un anello prezioso. “Non è che è un segno? Sono l’unico scapolo a 50 anni”, scherza, mostrando quell’ironia che lo ha reso leggendario insieme alle sue imprese sportive. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Il direttore della Gazzetta, Andrea Monti, ha ricordato che inizialmente il suo cognome veniva censurato: “Allora era difficile parlare di Tomba e cercavano perifrasi. Poi questo cognome è diventato un sinonimo di allegria e scanzonata”. Monti ha ricordato le più di 4000 pagine dedicate allo sportivo: “Oggi ve la battete tu e Federica Pellegrini”. Ma cosa fa oggi Tomba. Lo dice lui stesso: “Io oggi mangio, bevo, mi diverto. È andata bene da fine carriera che ho chiuso in anticipo, a 30-31 anni, potevo andare avanti fino ai 38 ma ero molto stressato”. Ha detto ancora di no all’Isola dei Famosi 2017: nonostante i tanti corteggiamenti, lo sportivo non si è ancora fatto sedurre dai reality.

(Continua a leggere dopo le foto)



 

 

La parata dei campioni, da sola, è un tuffo al cuore, un viaggio nelle emozioni di un anno di sport, negli occhi dei vincitori incoronati dal voto popolare (roba da 150mila voti) nelle otto categorie del premio Gazzetta. Gregorio Paltrinieri uomo dell’anno, Tania Cagnotto donna dell’anno, Claudio Ranieri allenatore dell’anno, Bebe Vio atleta paralimpico dell’anno, gli azzurri di volley squadra dell’anno. E ancora: Gigio Donnarumma nella categoria Exploit, che premia la rivelazione, Niccolò Campriani nella categoria Performance, che premia la gara in sé, Tamara Lunger nella categoria Gentleman, che premia il fair play.

Ti potrebbe anche interessare Isola dei Famosi, arriva l’annuncio che sta meravigliando tutti. Proprio lei, una delle donne italiane più chiacchierate di sempre entra nel cast. Era un po’ che non si vedeva in giro, ma adesso è pronta a tornare, più in “forma” che mai