Coronavirus, lo splendido gesto di Francesco Totti che ha commosso l’Italia


“Ragazzi, sono giorni difficili per l’Italia, ma insieme ce la faremo. Ed è per questo che anch’io e Dash scendiamo in campo per vincere questa partita. Tutti insieme. Ci siamo già portati a casa il primo tempo, donando 15 apparecchi per il monitoraggio dei parametri vitali dei pazienti ma, nel secondo tempo, unitevi a noi: ogni donazione, anche quella più piccola, sarà fondamentale per acquistare altri macchinari e vincere questa partita insieme”. Così Francesco Totti, bandiera della Roma e campione del Mondo 2006, scende in campo a sostegno di chi combatte il coronavirus, sostenendo l’ospedale Spallazani di Roma.

Francesco Totti si unisce quindi all’appello per sostenere l’ospedale romano al centro della lotta italiana contro il Coronavirus. Tramite i propri profili social l’ex capiano e bandiera della Roa, ha condiviso un videomessaggio in cui annuncia di aver donato, insieme a Dash Italia,15 macchinari per la terapia intensiva. Ma non solo perché nel frattempo al San Raffaele sono già partiti i lavori per convertire il campo sportivo dell’Università in un nuovo reparto di terapia intensiva. Dovrebbe essere operativo in sole 2 settimane. “Grazie agli operai che lavorano giorno e notte per rendere tutto questo possibile”, scrive Fedez su Twitter. (Continua a leggere dopo la foto)







Si tratta di una terapia intensiva da campo dedicata all’emergenza coronavirus. L’ospedale San Raffaele di Milano si è subito messo al lavoro per riuscire a realizzarla «in tempi record» dentro una tensostruttura che già copre l’ex campo sportivo dell’università Vita-Salute San Raffaele. È il primo frutto della campagna lanciata dalla coppia Chiara Ferragni-Fedez. All’appello dell’influencer e del rapper, a sostegno alla terapia intensiva dell’Irccs di via Olgettina, hanno risposto già oltre 191 mila persone e le donazioni hanno superato i 4 milioni di euro, sulla piattaforma di crowdfunding ‘gofundme.com’. (Continua a leggere dopo la foto)






Lo ‘tsunami’ Covid-19, come sottolineato più volte dalle istituzioni e come dimostrano i numeri, sta mettendo a dura prova proprio i reparti di Terapia intensiva ed è corsa contro il tempo per ricavare nuovi posti letto da dedicare. “Non avremmo mai pensato di avere la possibilità di ampliare così rapidamente l’assistenza ai nostri pazienti più fragili, quelli che hanno come unica opportunità di cura la terapia intensiva”, osserva Alberto Zangrillo, primario dell’Unità operativa di Anestesia e Rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare del San Raffaele. (Continua a leggere dopo la foto)



 


”A nome mio e di tutto il personale medico e infermieristico impegnato in questa emergenza – conclude – voglio ringraziare non solo Chiara e Fedez ma anche ogni singolo donatore. Ci stiamo impegnando con tutte le nostre energie e sapere che tante persone ci supportano ci aiuta a procedere nei nostri sforzi”.

Ti potrebbe anche interessare: “Ho paura”. Coronavirus, Massimo Boldi a cuore aperto: il pensiero va alla moglie che non c’è più

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it