Beccato a fare sesso in aeroporto. E non con la fidanzata, ma con una fan e, cosa ancor più grave, in una toilette per disabili. Ora sono guai per il campione, che ovviamente pagherà caro quei minuti di passione travolgente. I dettagli


 

Essere un personaggio pubblico significa anche fare i conti con la privacy che va a farsi benedire. Essere uno sportivo, e pure famoso, e far parte di una squadra, senza distinzione di categoria, significa anche farsi carico di tutti i valori che rappresenta. In campo e nella vita di tutti i giorni, senza alcuna deroga. Se poi la squadra in questione è famosa in tutto il mondo e lo sport in questione è forse quello più attaccato a saldi principi, allora la situazione si fa più complicata e la figuraccia assume proporzioni colossali. Succede, riporta Il Messaggero, che il campione sia stato beccato da una coppia a fare sesso con una fan nel bagno di un aeroporto. Fin qui, a parte il fatto che lo sportivo abbia una fidanzata ma questa è una faccenda privata, nulla di mai sentito.

Il problema è che la coppia aspettava di poter usare per il proprio figlio una toilette per disabili.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

La scena, raccontata dai genitori del ragazzino, è la seguente. Aeroporto di Auckland, Nuova Zelanda, 18 settembre scorso. Mentre attendevano con pazienza che il wc si liberasse per accompagnare il proprio figlio disabile, hanno iniziato a sentire dei gemiti inequivocabili. Quindi è uscito dal bagno, con il viso arrossato, Aaron Smith, giocatore 26enne degli All Blacks (campioni del mondo di rugby) e, subito dietro, una ragazza bionda, bellissima e un po’ arruffata.

(Continua a leggere dopo la foto)






Come detto la ragazza non era certo Teagan Voykovich, fidanzata da tempo con l’asso neozelandese e 55 volte in nazionale. Ma se questo dettaglio può, nei limiti del possibile, rimanere privato, quello che invece è di dominio pubblico è che se vesti la maglia degli All Blacks questo è un comportamento inaccettabile. E non ci sono mezze misure.

(Continua a leggere dopo la foto)




Smith non solo ha confermato a capo chino quanto raccontato dalla coppia che l’ha sorpreso dopo quel momento di passione, consumato, lo ricordiamo, in una toilette riservata ai disabili, ma ha ammesso davanti al ct Steve Hansen e ai veterani della squadra di avere commesso un grave errore, quindi la richiesta, subito accordata, di poter lasciare il Sud Africa dove la squadra è in attesa di affrontare gli Springboks sabato prossimo.

Il presidente della federazione neozelandese ha commentato che questa storia è incompatibile con il mondo degli All Blacks. Per quanto riguarda invece il futuro del mediano di mischia 26enne, è atteso nei prossimi giorni il verdetto sulla sua punizione, ovvero per quanto tempo resterà sospeso. Il 5 novembre, per la cronaca, era attesto dal test match Chicago contro l’Irlanda e il 12 a Roma contro l’Italia.

Potrebbe anche interessarti:  Porno in aeroporto. Aspettavano i bagagli quando, per errore, sugli schermi è partito il sesso esplicito. E queste immagini hanno fatto il giro del web

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it