Dramma nel calcio, hanno sparato ad un ex giocatore della Juventus: è in ospedale


Brutta notizia per il calcio internazionale: Darko Kovacevic è una vecchia conoscenza del campionato italiano, per tre stagioni ha giocato in Serie A, ha vestito le maglie della Juventus e della Lazio. Oggi l’ex attaccante serbo è stato vittima di un agguato, nella città di Atene. Ignoti si sono avvicinati alla sua abitazione e gli hanno sparato. Kovacevic non è in pericolo di vita, ma sembra sia stato ferito a una gamba. Le notizie che giungono dalla Grecia sono frammentarie.

L’unica certezza è che l’ex attaccante di Juve e Lazio, che ora fa il dirigente, è finito in ospedale e pare sia stato ferito a una gamba, dopo essere stato vittima di un vero e proprio agguato. Il serbo nel pomeriggio di martedì è uscito dalla sua abitazione e subito ha visto qualcosa che non quadrava, ha capito che per lui ci sarebbero stati grossi problemi, così si è nascosto, ma i sicari sono stati precisi e lo hanno colpito a una gamba. Continua a leggere dopo la foto









Kovacevic è stato trasportato in ospedale da un’ambulanza, non è in pericolo di vita. Ignota il movente dell’agguato. Diciassette anni di carriera per Darko Kovacevic, che dopo aver esordito in patria e vinto i primi titoli da professionista con la Stella Rossa ha giocato in Inghilterra con lo Sheffield Wednesday e poi in Spagna con la Real Sociedad. Continua a leggere dopo la foto








Nel 1999 lo acquista la Juventus, Moggi lo sceglie come alternativa a Del Piero e Trezeguet. Non è mai titolare fisso, segna tantissimo nelle coppe, ma dopo due anni da prima alternativa, decide di andare via. Kovacevic però resta in Italia, passa alla Lazio, con cui disputa appena 7 partite. Continua a leggere dopo la foto

 


Gli ultimi sette anni di carriera li ha vissuti tra la Real Sociedad, altre cinque stagioni, e l’Olympiacos, dove ha chiuso la carriera a 36 anni a causa di problemi cardiaci. In Grecia è rimasto, vive lì, è un dirigente proprio dell’Olympiacos, e ad Atene fa ha subito un agguato. Seguiranno aggiornamenti.

Ti potrebbe anche interessare: “Vatti a nascondere”. Vieni da me, Caterina Balivo furiosa: è successo in diretta

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it