Polizia in casa Totti, un blitz che nessuno si aspettava. E ora per la famiglia del capitano giallorosso sono guai (seri). La soffiata da parte di un vicino di casa: tutti i fatti


 

Grossi guai a casa Totti: blitz della polizia municipale nella villa all’Axa, dove vivono i genitori di Francesco Totti. La famiglia del capitano ha una villa all’Axa, a ridosso di via dei Pescatori, intestata al figlio. La polizia voleva controllare che non vi fossero stati commessi abusi edilizi e si è diretta senza troppo indugiare verso la piscina. Secondo il verbale della polizia giudiziaria, il problema non sarebbe tanto con la piscina in sé, quanto piuttosto con un manufatto utilizzato come spogliatoio. A segnalare che qualcosa non andava un vicino di casa. Perché i vigili si rendessero conto che qualcosa alla villa non andava sono bastate poche foto dall’alto. L’anomalia di quello spogliatoio era troppo evidente.

Ora è stato aperto un fascicolo per indagare su quanto avvenuto e trovare i responsabili dell’abuso a “casa Totti”.

(Continua a leggere dopo la foto)








 

Alla fine, come riporta il Messaggero, a una parte della villa dei genitori di Francesco Totti sono stati apposti i sigilli. L’intervento è stato fatto su una piccola costruzione adibita a spogliatoio della piscina della villa.  A denunciare il presunto abuso edilizio e a far scattare l’operazione, come detto, è stato un vicino di casa della coppia.

(Continua a leggere dopo la foto)




 

Non è la prima volta che per Totti ci sono piccoli problemi di questo tipo anche se, come riporta il Messaggero, il capitano della Roma si è sempre dimostrato estremamente attento alle regole: “Nel novembre di due anni fa, ad esempio, avrebbe tempestivamente chiesto il condono per una irregolarità edilizia – non addebitabile a lui – riscontrata nella villa che ha comprato nel comune di Sabaudia, sulle dune di Torre Paola.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

Il giocatore, per evitare l’abbattimento della cubatura irregolare aveva chiesto e ottenuto un condono aggiuntivo per una veranda esterna. Quei lavori – accertarono i tecnici – erano datati nel tempo e il Comune di Sabaudia ha dato al capitano l’ok perché sanabili in base al vecchio condono”.

Ce lo ricordiamo così il piccolo Cristian, bellissimo e biondissimo insieme a mamma Ilary e papà Francesco (Totti). Oggi, però, è cresciuto, sta diventando proprio un ometto: ecco come lo ritroviamo. La foto (non è adorabile?)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it