“Vergogna!”. Furia Melissa Satta. L’ex velina vuota il sacco e ‘spiattella’ tutto sui social


Partita segnata da un incredibile scoop quella di ieri, che ha visto la squadra della Fiorentina mettere a dura prova l’Inter e il suo primo posto in classifica. Raggiunto il pari merito con la Juventus, l’Inter ha visto tra i più accaniti tifosi, anche la coppia di papà e figlio, vittime di una vergognosa scena tra fazioni opposte. La tribuna si è animata a tal punto da fare scattare polemiche anche da parte della compagna di Kevin Prince Boateng, attaccante della Fiorentina, ovvero Melissa Satta.

Melissa denuncia l’accaduto attraverso un post su Instagram. Una partita difficile, che ha tirato in campo tensioni indiscutibili, ma non per questo atte a giustificare l’accaduto. Melissa non ha trattenuto il suo dissenso, nei confronti dell’episodio accaduto ieri sera sulle tribune del Franchi, proprio nel corso della sfida tra la Viola e i nerazzurri.  “In mezzo lì (alle tribune del Franchi, ndr) c’era seduto un bimbo di dieci anni con il suo papà, al secondo gol dell’Inter il bimbo ha esultato con il suo papà e sono stati aggrediti verbalmente da alcuni ‘tifosi’ della Fiorentina. Il papà e il bimbo sono stati portati via da  quel settore da alcuni responsabili della Fiorentina, che devo dire si sono comportati benissimo e hanno cercato di tranquillizzare il bimbo, perché la situazione stava degenerando”. Continua dopo la foto.








Così ha commentato la Satta, aggiungendo: “Io mi chiedo: non vi vergognate a far spaventare e piangere un bimbo di dieci anni solo perché ha esultato per la sua squadra del cuore? Mi dispiace ma io non vi chiamo tifosi. I tifosi sono coloro che rispettano il tifo, io vi chiamo ignoranti! Firenze è stupenda, la Fiorentina pure come tutti i fiorentini. Ma queste persone che hanno fatto questo sono da lasciare a casa e non bisogna permettergli di rovinare il nome del tifo fiorentino! Questo è un pensiero da mamma in primis ma anche da tifosa perché amo il calcio da sempre”. Continua dopo la foto.






Dopo il gol dell’Inter e la spontanea esultanza di un  bimbo di 10 anni, tutto ci si poteva aspettare, ad eccezione di una forma così violenta di aggressione da parte dei tifosi, che non hanno saputo tenere a freno la foga neanche di fronte alla tenera età del tifoso neroazzurro.  La showgirl sarda ha ritenuto opportuno documentare gli episodi che hanno portato allo scempio finale di una vera e propria aggressione. Infatti, durante la partita, ha postato diverse stories su Instagram raccontando di aver assistito agli insulti ricevuti dal bimbo interista per aver esultato insieme al papà al secondo gol nerazzurro poi annullato:”Lì in mezzo c’era seduto un bimbo di 10 anni con il suo papà, al secondo gol dell’Inter (poi annullato, ndr.) ha esultato insieme al suo papà e i due sono stati aggrediti verbalmente dai ‘tifosi’ della Fiorentina”. Continua dopo la foto.



Satta ha ritenuto opportuno specificare che: “Firenze è stupenda, la Fiorentina pure come tutti i fiorentini. Ma queste persone che hanno fatto questo sono da lasciare a casa e non bisogna permettergli di rovinare il nome del tifo Fiorentina”. Ma l’accento cade esattamente su affermazioni importanti che fanno riflettere, anzi devono fare riflettere: non vi vergognate a far piangere e spaventare un bimbo di 10 anni solo perché ha esultato per la sua squadra del cuore? Mi dispiace ma io non vi chiamo tifosi, i tifosi sono coloro che rispettano il tifo, io vi chiamo ignoranti!”. Come poterle dare torto?

Elenoire Casalegno, la figlia Swami ormai ha 20 anni ed è sempre più uguale alla mamma. E posa anche senza veli… Le foto da infarto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it