Lutto nel mondo dello sport: aveva soltanto 31 anni ed era uno dei migliori del mondo


Sembra il destino di ogni free solo clinker, ovvero coloro che decidono di scalare montagne a mani nude, senza protezioni o corde di sicurezza. L’ultima vittima è Brad Gobright, uno dei migliori climber di free solo al mondo, è morto ieri, mercoledì 27 novembre, in un incidente a El Potrero Chico, in Messico. Aveva 31 anni. Alle 15:40, Gobright e il suo partner Aiden Jacobson, 26 anni, era sul settimo tiro della via “El Sendero Luminoso” (15 lunghezze, 5.12+), sulla cima El Toro. Secondo il racconto di un testimone che si trovava tre tiri sopra (circa 100 metri), Gobright e Jacobson stavano usando una corda di 80 metri, quando è avvenuto l’incidente.

Secondo il racconto, entrambi i climber sono caduti su una grande sporgenza, al quinto tiro, dove di solito bivaccano i climber impegnati sulla via per più giorni. Gobright ha battuto sulla sporgenza ed è caduto molto più in basso, al fondo della via. Jacobson, con la corda, è finito sul bordo del bivacco del quinto tiro. Gino, questo il nome del testimone, e il suo compagno, hanno assistito al tragico incidente. Continua a leggere dopo la foto







Si sono calati fino alla sporgenza del quinto tiro e hanno aiutato Jacobson a raggiungere il suolo. Jacobson non ha riportato ferite gravi. Brad Gobright era arrivato a El Potrero Chico pochi giorni prima e quindici minuti dopo il suo arrivo, era a liberare Yankee Clipper in free solo”, un 5.12a di 15 tiri sulla Jungle Wall. Continua a leggere dopo la foto






Il 12 ottobre 2017, Gobright, insieme al partner Jim Reynolds, aveva stabilito il record di velocità su The Nose, El Capitan Yosemite, salendo la via di in 2 ore e 19 minuti e 44 secondi. Quel record fu battuto nel 2018 da Alex Honnold e Tommy Caldwell. Continua a leggere dopo la foto



 


Un’altra impresa in velocità importante, l’ha realizzata nel 2016, insieme a Scott Bennett, quando Gobright ha scalato tre vie El Cap in 23 ore e 10 minuti: Zodiac, The Nose e Lurking Fear. A giugno 2019, Gobright e Alex Honnold hanno effettuato la seconda salita completamente in libera di El Niño (VI 5.13c) attraverso la variante a tre tiri Pineapple Express aperta da Honnold e Sonnie Trotter nel 2018.

Ti potrebbe anche interessare: Albania in ginocchio: violento nubifragio sulla tendopoli dei terremotati. Le immagini sono impressionati

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it