Trionfo per Bebe Vio, ce l’ha fatta (ancora). Un orgoglio nazionale!


Grandi notizie per Bebe Vio: una conferma, un ritorno e una novità. E’ questo il bottino azzurro al termine della terza giornata di gara della tappa di Amsterdam del circuito di Coppa del Mondo di scherma paralimpica. La conferma è quella di Beatrice ‘Bebe’ Vio che continua a inanellare successi, mettendo in bacheca anche la tappa olandese. La campionessa paralimpica e iridata ha, infatti, vinto la gara di fioretto femminile categoria B, grazie al 15-4 inflitto in finale alla cinese Zhou Jingjing, che ha seguito il 15-4 piazzato in semifinale alla russa Irina Mishurova.

Con l’identico punteggio, l’azzurra aveva vinto il match dei quarti di finale contro l’altra cinese Kang Su, mentre agli ottavi aveva avuto ragione dell’ungherese Boglarka Mezo per 15-3. Il ritorno sul podio è invece quello di Andrea Mogos. L’azzurra si riconferma tra le protagoniste della scena internazionale del fioretto femminile categoria A grazie ad una gara interrottasi solo in semifinale dove è giunta la sconfitta per 15-4 contro l’ucraina Nataliia Morkvych. Continua a leggere dopo la foto







La novità è rappresentata da Gianmarco Paolucci che conquista il terzo posto sul podio nella gara di sciabola maschile categoria B. “Per ora sciabolo meglio con le bottiglie, ma presto mi prenderò le mie soddisfazioni anche in pedana! L’emozione più grande di ieri è stata l’oro di Rossana Pasquino. Continua a leggere dopo la foto






Quando vince una compagna di squadra vince tutta l’Italia! 🇮🇹 E oggi… sotto col fioretto”. Aveva scritto Bebe Vio su Instagram prima della gara. Ottimo risultati anche per Andrea Mogos: l’azzurra torna sul podio del fioretto femminile categoria A grazie a una gara che si è fermata soltanto in semifinale contro l’ucraina Nataliia Morkvych. Continua a leggere dopo la foto



 


Terzo posto nella gara di sciabola maschile categoria B per Gianmarco Paolucci. Dopo le vittorie sul sudcoreano Chunhuee Park per 15-11 e sul francese Laurent Vadon per 15-12, il ragazzo di Frascati è stato fermato in semifinale dall’ungherese Istvan Trajanyi (15-14).

Ti potrebbe anche interessare: “Incredibile! Sapete quanti anni ha?”. Tu sì que vales, l’abilità e l’eta del concorrente lasciano tutti senza fiato

Tags:

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it