“Guardate sotto i pantaloncini!”. L’incredibile video che sta facendo il giro del web tra lo stupore degli utenti: l’atleta giapponese, in gara alle Olimpiadi di Rio, si prepara alla gara, ma ecco che a giocargli un brutto scherzo ci pensa… il suo pene


 

Di storie incredibili a queste Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 ne abbiamo già viste a decine. A partire dalla tristezza della portabandiera azzurra Federica Pellegrini, a secco di medaglie e ora indecisa sul futuro, passando per la squalifica di un Alex Schwazer a caccia di rivincite dopo il caso doping. Tra i tanti racconti che arrivano dalle altre nazioni, però, uno in particolare ha colpito il popolo del web, letteralmente impazzito di fronte a una performance sportiva alquanto inedita.

Protagonista della vicenda il saltatore d’asta giapponese Hiroki Ogita, impegnato nel tentativo di raggiungere la finale nella sua specialità.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

 

A mettergli i bastoni tra le ruote non è stato un avversario feroce e determinato, né l’improvvisa rottura dell’asta nel bel mezzo della sua prestazione. Piuttosto, l’atleta si è trovato a fare i conti con un imbarazzante problema che i maschietti conoscono bene e che gli è però costato caro.

(Continua a leggere dopo la foto)


Ogita, che stava cercando di superare i 5.3 metri nel gruppo A al primo turno, si è infatti trovato a fare i conti con un’indesiderata erezione proprio a pochi istanti dal suo momento di gloria. Quando è andato a saltare, così, ecco che il pene ha inevitabilmente battuto contro il metallo, provocando la caduta della barra.

(Continua a leggere dopo il video)

Il sogno del saltatore, 28 anni, si è così infranto a causa delle sue stesse virilità, che gli hanno impedito di raggiungere l’obiettivo. E così, non ha potuto che guardare sconsolato il tabellone che sanciva il 21esimo posto con annessa eliminazione. La prossima volta, probabilmente, prima di saltare farà meglio a concedersi un bel bagno gelato.

“Ecco com’è vivere e amare con un pene (molto) piccolo”: i racconti dei meno dotati e (a sorpresa) quello che pensano le donne