Ginnastica in lutto: muore a 20 anni. La tragedia sotto gli occhi dell’allenatore, ancora sotto choc: “Siamo tutti sconvolti”


La tragedia durante l’allenamento. Un incidente che si è rivelato fatale per la giovane promessa della ginnastica Melanie Coleman, morta a soli 20 anni a 2 giorni dal ricovero, in gravissime condizioni, in ospedale. Come riporta Il Messaggero, che cita la CNN, venerdì scorso la ginnasta, che nonostante la giovane età aveva già accumulato un’esperienza tale da insegnare ad allenare i bambini, si stava allenando come faceva tutti i giorni sulle parallele asimmetriche.

Ma è scivolata e caduta, battendo a terra con la schiena proprio davanti agli occhi del suo allenatore, Thomas Alberti. Dopo l’incidente le sue condizioni sono apparse sin da subito disperate al personale sanitario. E infatti le lesioni al midollo spinale l’hanno portata alla morte, avvenuta domenica sera. (Continua dopo la foto)







Dopo l’incidente Melanie Coleman, che viveva, studiava e si allenava nel Connecticut è stata trasferita d’urgenza allo Yale New Haven Hospital, ma i medici non sono riusciti a salvarla: se ne è andata dopo 2 giorni di agonia. Thomas Alberti, l’allenatore della 20enne, è ancora scioccato: “Siamo tutti sconvolti, è stato un incidente grave ma assolutamente imprevedibile. Melanie è scivolata mentre faceva degli esercizi che per lei erano una formalità e un’abitudine”. (Continua dopo la foto)






“Si tratta di una fatalità difficile da accettare e da elaborare per tutti noi. Melanie era una leader, oltre ad essere una grande atleta, e aveva sempre consigli per tutti. Da oggi, nelle foto, lasceremo sempre un posto vuoto, in sua memoria”, ha detto ancora Alberti di Melanie, che oltre a essere una promessa della ginnastica studiava infermieristica alla Southern Connecticut State University. (Continua dopo le foto)



 


La notizia della morte della giovane Melanie Coleman, i cui organi verranno donati, ha sconvolto gli Stati Uniti. In rete tanti si sono subito mobilitati per aiutare la famiglia della ragazza a pagare le spese per il funerale e l’obiettivo iniziale, di 10mila dollari, è stato ampiamente superato: la raccolta fondi ha raggiunto quota 64mila dollari.

“È morto, ma non posso andare al cimitero”. Paola Ferrari lo racconta tra le lacrime per la prima volta

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it