“Io e Federica? Viviamo insieme, ma…”. A pochi giorni dall’inizio dei Giochi Olimpici, le parole a sorpresa di Filippo Magnini che racconta la sua relazione con la Pellegrini


 

Serena, distesa, alla vigilia di un appuntamento importante attesissimo da tutti gli appassionati di sport italiani. A parlare, sulle pagine della Gazzetta dello Sport, è Federica Pellegrini, che si è lasciata andare a qualche confessione prima di partire alla volta del Brasile, dove sarà impegnata per le prossime Olimpiadi: “Ho seguito in televisione gli Europei di atletica ad Amsterdam, anche se ora siamo presi dagli allenamenti. Ho fatto il tifo per gli azzurri”.

La regina del nuoto italiano sottolinea che da qui in poi penserà solo alle gare: venti giorni di isolamento la aspettano.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Sulla gara olimpica afferma che “sarà un 200 stile di altissimo livello, le stesse eliminatorie non saranno semplici, sarà una bella lotta sino all’ultimo millimetro. Personalmente mi sento serena, sono molto distesa. Essere scesa sotto l’1’55” mi dà molta serenità”. L’olimpionica veneta sarà la portabandiera azzurra durante la cerimonia d’apertura dei Giochi: “Ci vediamo il 5 agosto sera, sono convinta che ci sarà da divertirsi”.

(Continua a leggere dopo la foto)


Filippo Magnini, compagno di squadra e di vita della Pellegrini, si dice a sua volta convinto del potenziale della squadra italiana. Il pensiero va poi alla sua Federica: “Noi viviamo insieme, ma di sport non ne parliamo, fuori dalla vasca non parliamo di nuoto. È molto raro stare insieme durante le Olimpiadi.

(Continua a leggere dopo la foto)


“Abbiamo orari e ritmi diversi – conclude il nuotatore – Le sue Olimpiadi nei 100? Spero, non ne abbiamo parlato, saranno decisioni sue e dello staff. Se mi chiede un parere per me è quello di gareggiare. Federica ha bisogno di sentire l’adrenalina, di essere nervosa, lei deve sentire la gara”.

“Basta, cambia tutto”. Federica Pellegrini, l’annuncio a sorpresa che sorprende gli italiani. La riuscite davvero a immaginare così?