Jean Todt: “Ho visto il Gp con Schumacher, ecco come sta”


Arrivano nuovi aggiornamenti sulle condizioni di Michael Schumacher, rimasto vittima di un grave incidente mentre stava sciando il 29 dicembre 2013. L’ex manager della Ferrari, Jean Todt, oggi presidente della Fia, ha parlato a Radio Monte Carlo del campione tedesco e della lunga fase di riabilitazione a cui è sottoposto in Svizzera: “Sono sempre molto cauto quando faccio queste dichiarazioni, ma è vero: ho guardato con lui nella sua casa in Svizzera le gare di Formula 1. Michael non si arrende, continua a combattere ed è nelle migliori mani”.

Todt, che già lo scorso dicembre aveva rivelato di continuare a frequentare Schumacher e di seguire con lui i Gran Premi, si è anche brevemente soffermato sul rapporto con l’ex pilota, con cui ha condiviso una straordinaria esperienza in Ferrari dal 1996 al 2006 in cui il tedesco, che oggi ha 50 anni, ha vinto cinque Mondiali consecutivi dal 2000 al 2004. Continua dopo la foto







“Naturalmente la nostra amicizia non può essere uguale a come era prima dell’incidente – ha spiegato Todt -, dato che non c’è più la stessa comunicazione che avevamo prima. Ma Michael continua a lottare, e con lui la sua famiglia”. In occasione del Gran Premio di Hockenheim, in Germania, il 20enne Mick Schumacher, figlio di Michael e anch’egli pilota in Formula 2 nonché membro della Ferrari Driver Academy, ha guidato in pista la mitica F2004 di suo padre, non nascondendo l’emozione. Continua dopo la foto




“È stato un sogno e un onore per me, vedevo papà in tv vincere molte gare al volante di questa auto e devo ringraziare la Formula 1 e la Ferrari per avermi dato questa fantastica opportunità”. Michael Schumacher nasce ad Huerth-Hermuehlheim, in Germania, il 3 gennaio 1969 da una famiglia di modeste condizioni sociali ed economiche. Il padre Rolf, appassionato meccanico e proprietario di un circuito di go-kart, trasmette ai figli Michael e Ralf la passione per le corse e le auto. Al termine degli studi scolastici presso l’istituto tecnico, Michael Schumacher approfondisce i suoi interessi per le competizioni sportive. Continua dopo la foto


 


Alla fine del 2013 Michael Schumacher è vittima di un terribile incidente occorso mentre scia: durante un fuoripista cade battendo la testa su una roccia che rompe il casco, e gli procura diffusi danni cerebrali mandandolo in coma. L’intero mondo dello sport si stringe attorno al campione tedesco con messaggi di solidarietà. Negli anni successivi si ritira in Svizzera dove la moglie e la famiglia mantengono uno stretto riserbo mediatico sulle notizie circa il suo stato di salute.

Ti potrebbe anche interessare: Bruciata dall’ex, le parole di Antonietta Rositani fanno venire i brividi. Eccole

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it