Sinisa Mihajlovic in lacrime: “Ho la leucemia ma la sconfiggerò”


“Voglio essere chiaro con tutti voi, per questo ho indetto questa conferenza”. Il volto di Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna Calcio, è tirato. Sembra non reggere la pressione. Anche il tono di voce non è quello del solito guerriero, quello del tecnico che sgrida forte i suoi giocatori, li sprona alla vittoria e al successo. Iniziano a scendere le lacrime, il timbro si spezza. Poi l’annuncio: “Le analisi hanno detto che c’è qualcosa di non regolare”.

L’ex calciatore di Roma, Lazio e Inter, con un passato da allenatore anche sulla panchina di Torino, Catania, Milan, annuncia a tutti la sua tragedia personale: “Ho la leucemia, quando me l’hanno detto è stata una bella botta, sono stato due giorni in camera a piangere”. E le immagini che vengono trasmesse su tutti i siti di informazione sono immagini strazianti, commoventi. A cui tutti noi non eravamo abituati. Ma anche chi non è tifoso, chi non segue il calcio, non può restare impassibile davanti a questa sofferenza. Continua a leggere dopo la foto.



Mentre si asciuga il volto Mihajlovic prova a riprendere forza: “Non sono lacrime di paura, so che la vincerò”. Dopo lo straordinario campionato dello scorso anno, Sinisa questa estate era stato avvicinato a due grandissime squadre: la Roma e la Juventus di Cristiano Ronaldo. Alla fine non si è concretizzato nulla e poi ieri ha iniziato a serpeggiare la notizia. Oggi l’allenatore ha voluto parlare davanti a tutti: “Io non gioco mai per non perdere, sennò perdo: così nel calcio, così nella vita. Batterò la leucemia, e lo farò per mia moglie, per la mia famiglia, per chi mi vuole bene”. Continua a leggere dopo la foto.


“È una forma attaccabile, si può guarire e io la batterò – ha detto con la rabbia di sempre Mihajlovic – Ma ho bisogno dell’aiuto di tutti quelli che mi vogliono bene”. Il riferimento è alla sua famiglia, le figlie (che abbiamo conosciuto all’Isola dei Famosi Vip) ma anche tutto il popolo di tifosi, appassionati, seguaci del calcio e dello sport. Ma anche di gente comune, che in queste ore lo ha abbracciato virtualmente. “Ho chiesto riservatezza perché volevo essere io per primo a dare la notizia. Purtroppo non tutti hanno rispettato questo desiderio per vendere qualche copia in più”. Continua a leggere dopo la foto.


Prima le anomalie, poi una febbre strana, infine la conferma dei medici. “Ho spiegato ai miei giocatori che lotterò per vincere come ho insegnato loro a fare sul campo. Questa sfida la vincerò, non ci sono dubbi”. E noi tutti faremo il tifo per te, Sinisa.

“Ho un cancro”. Dramma nella famiglia Nainggolan, l’annuncio dato sui social