Silvio Berlusconi, ora è proprio finito tutto. E la notizia, per il suo peso, fa subito il giro del mondo


 

Il Milan avrà gli occhi a mandorla. La famiglia Berlusconi ha infatti deciso di vendere il club all’imprenditore Jack Ma, 52 anni, re dell’e-commerce, secondo uomo più ricco del paese e comproprietario del Guangzhou Evergrande Taobao, il club più importante della Chinese Super League.

(continua dopo la foto)








In base alle prime indiscrezioni la cordata cinese acquisterà il 70% delle azioni rossonere subito e il restante 30% nel giro di un anno per una cifra tra i 700 e i 720 milioni di euro.La notizia più clamorosa forse è proprio questa: Berlusconi lascia definitivamente la squadra che grazie a lui ha vissuto decenni memorabili. La fine di un ciclo nel corso del quale il Milan ha vinto di tutto e di più, insegnando al mondo il calcio e regalando agli appassionati di questo sport momenti indimenticabili.





 

In 30 anni sono arrivate cinque Coppe dei Campioni, due Intercontinentali, quattro Super coppe europee e un mondiale per club, più sette scudetti che hanno contribuito a rendere il Milan una delle squadre più vincenti della storia del pallone. Arrivato a metà degli anni ’80, Berlusconi ha legato la sua leggenda agli olandesi Van Basten, Gullit e Rijkard. In panchina Arrigo Sacchi, il profeta di Fusignano e inventore del “ripartenze” che per due volte portò il Milan in cima al mondo. Era il Milan degli invincibili, che chiuse un campionato senza sconfitte con appena 8 gol subiti e gente come Maldini, Baresi e Tassotti a fare la guardia.


Poi al timone arrivò Fabio Capello e quella storica finale di Atene con il Barcellona demolito 4-0 dal genio di Savicevic. Un periodo di annebbiamento fino ai primi anni 2000 quando, dopo la parentesi scudetto targato Oliver Bierhoff, il Milan guidato da Ancellotti raggiunse per ben tre volte la finale di Champions, vincendone due. Un gruppo che vedeva in squadra, tra gli altri nomi come: Maldini, Pirlo, Stam, Shevchenko, Nesta. Ben altra storia  rispetto ad Abate, Montolivo, Bacca (non ce ne vogliano), di quest’anno. Il momento giusto per andarsene e chiudere un ciclo che nessuno, forse, sarà in grado di ripetere.

 

Addio Cesare Maldini, più di mille persone ai funerali dell’ex bandiera del Milan e allenatore della Nazionale. Il figlio Paolo stretto nell’abbraccio della famiglia: le foto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it