Batistuta: “Mio figlio lavora in copisteria. Potrei dargli tutto, preferisco regalargli solo la dignità”


Gabriel Omar Batistuta, ex bomber di Fiorentina e Roma, versione papà. ‘Batigol’ ha parlato del tema dell’educazione dei figli in un’intervista rilasciata a Espn Argentina e rivelato che uno dei suoi ragazzi, Joaquin per l’esattezza, ha 20 e lavora come commesso in una copisteria. “La gente si chiede: come è possibile che il figlio di Batistuta lavori in una copisteria? Non voglio sminuire un lavoro assolutamente degno, però è qualcosa di insolito”, gli ha chiesto il conduttore. E lui, come riporta l’Huffington Post: “Che i miei figli lavorino, per me, è come poter regalare loro la dignità”.

Per spiegare meglio il concetto, l’ex attaccante oggi 50enne che ‘smitragliava’ dopo un gol e urlava “Irina te amo!” alla moglie aggiunge: “Potrei permettermi di regalare ai miei figli delle auto nuove e di lusso, ma non so quanto si sentirebbero felici, o almeno quanto potrebbe durare quella felicità”. (Continua dopo la foto)



“Io so che magari prendono l’auto – continua Batistuta -, si fanno un giro per le vie del centro e le ragazze, o la gente, li guardano. Molti potrebbero pensare ‘Ah, però, guarda che auto che ha’, e questo li potrebbe imbarazzare, perché dentro di loro sanno che quell’auto non è veramente loro. Non c’è paragone col guidare un’auto magari meno bella e potente, ma di cui poter dire: ‘Questa me la sono guadagnata da solo’”. (Continua dopo la foto)


Tanto di cappello per la lezione di vita di ‘Batigol’, che entra così nella lunga lista di super ricchi che non vogliono viziare troppo i figli fino al punto da costringerli a guadagnarsi da soli la vita, e magari promettendo davanti al notaio di non inserirli nell’eredità come ha fatto Mark Zuckenberg. Il fondatore di Facebook ha devoluto il 99% delle sue azioni all’associazione filantropica della moglie Priscilla. (Continua dopo la foto)


 


Ancora, come ricostruisce il CorSera, Bill Gates, uomo più ricco del mondo e patron di Microsoft, lascerà i suoi aver in beneficenza alla fondazione che porta il suo stesso nome. “Dare ai ragazzi un’enorme somma di denaro non è fargli un favore: i miei figli dovranno costruirsi una carriera”, ha fatto sapere. E Sting, che ha un patrimonio netto di oltre 300 milioni di dollari ma è avaro con i suoi sei figli: “Hanno un’etica del lavoro che li porta a voler avere successo solo per i loro meriti”. “Dare ai bambini ogni privilegio significa rovinargli la vita” è invece il parere di Elton John.

Chanel Totti: ecco l’ultima foto di Francesco e Ilary Blasi