Morto Christian Daghio, era la leggenda italiana della thai boxe


È finito nel peggiore dei modi l’incontro del campione di thai boxe Christian Daghio, vincitore di sette titoli mondiali e primo lottatore italiano a essere ammesso a combattere in Thailandia. È deceduto all’età di 49 anni, a causa dei gravi colpi subiti nel corso del suo ultimo incontro. Il tragico match si è tenuto a Bangkok alcuni giorni fa: il thaiboxer è deceduto all’ospedale.

Appassionato di arti marziali e sport da combattimento, Daghio aveva fatto di questa disciplina la sua vita e aveva deciso di vivere a Pattaya, dove risiedeva da trent’anni gestendo un resort in cui insegnava sport da combattimento ad allievi di tutto il mondo. Dopo sette titoli mondiali di thaiboxe, da alcuni anni – nonostante l’età – aveva abbracciato il pugilato: era campione d’Asia. Dopo un combattimento per la riconferma del titolo, durato 12 riprese, tenutosi a fine ottobre, è finito in coma sul ring. Poi il decesso all’ospedale della capitale. (Continua a leggere dopo la foto)




Era stato il primo italiano ammesso a combattere in Thailandia, la patria di questa disciplina. Qui ha cominciato una carriera in cui ha vinto tutto: sette titoli mondiali di thai boxe (l’ultimo nel 2016), un europeo e tre bronzi fra europei e mondiali con la nazionale. In totale, 142 incontri vinti su 186. Era tornato sul ring lo scorso giugno, nonostante l’età, dopo un anno di stop. (Continua a leggere dopo la foto)



Da pro, sempre in Thailandia, aveva disputato e vinto 31 match di boxe nei supermedi con 27 ko all’attivo: era detentore di alcuni titoli asiatici e l’ultimo sogno della sua carriera era quello di avere, nonostante l’età, una chance per un titolo mondiale nel pugilato. Ma venerdì 26 ottobre al Rangsit Stadium in Thailandia il match contro il 37enne Don Pureang si è protratto per tutte le dodici riprese previste e proprio all’ultimo round Daghio è finito a terra una prima volta, per poi andare ko pochi secondi dopo in seguito a una nuova combinazione dell’avversario. (Continua a leggere dopo la foto)


 


Le sue condizioni sono apparse subito molto gravi ed è stato trasportato immediatamente in ospedale. Una piccola speranza il giorno successivo al ko – “Christian è stabile e reagisce bene alle cure, pur restando in prognosi riservata” aveva scritto la pagina Facebook del suo Kombat Group – poi le condizioni sono nuovamente peggiorare fino alla morte di venerdì. “E’ con grande dispiacere che abbiamo appreso la notizia della morte di Christian Daghio, pugile italiano che viveva in Thailandia. Riposi in pace”, il messaggio del presidente della WBC (World Boxing Council) Mauricio Sulaiman.

Meghan Markle incinta: ecco la foto scattata da Harry