“Ucciso con un coltello”. Tragedia nel mondo del calcio: vittima il noto calciatore


 

Una notizia terribile che ha scosso il mondo del calcio, incredulo di fronte a quanto accaduto. Una morte avvenuta poco lontana dai campi dove un ragazzo giocava a fare il portiere sognando di diventare un giorno famoso e finire in qualche squadra importante. A ucciderlo, stando a quanto emerso, un compagno di squadra. Così ha perso la vita in Argentina Facundo Espíndola, portiere 25enne cresciuto nelle giovanili del River Plate. L’estremo difensore è stato assassinato, secondo quanto riportano i media locali, nel bel mezzo di un litigio in strada nei pressi di un bar ad Hurlingham. Per il terribile crimine è stato già fermato un altro calciatore, ovvero l’attaccante Nahuel Oviedo, attualmente in forza al San Telmo. Una vicenda raccontata dalla stampa argentina. Facundo aveva giocato in passato con la maglia dell’Almagro e poi aveva avuto un’esperienza tra le fila dell’Atletico Uruguay, al termine della quale era rimasto svincolato. (Continua a leggere dopo la foto)



A raccontare tutto ci ha pensato la stampa argentina, che ha ricostruito la vicenda dopo le tante indiscrezioni di queste ore. Facundo Espíndola è morto dopo essere stato vittima di una vera e propria rissa di strada nei pressi di un bar ad Hurlingham. Il 25enne ha perso la vita per le conseguenze di una pugnalata al torace che non gli ha lasciato scampo. Inutile il tentativo dei soccorritori di aiutarlo: i medici non hanno potuto far altro che constatarne la morte poco dopo l’arrivo in ospedale. (Continua a leggere dopo la foto)


All’uscita del locale, Espíndola è stato prima colpito a più riprese nel bel mezzo di una rissa e poi ha ricevuto il colpo mortale. Uno dei protagonisti del violento pestaggio infatti ha tirato fuori un coltello e lo ha conficcato nel petto del portiere che si è accasciato al suolo e ha perso la vita poco dopo. Sul posto sono arrivate immediatamente le forze dell’ordine, che hanno utilizzato anche le immagini delle telecamere poi per identificare i protagonisti dell’accaduto. Un video dell’aggressione è stato anche divulgato dai tabloid sudamericani. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Per il crimine ci sono stati già due fermi e uno di loro è l’attaccante Nahuel Oviedo, attualmente in forza al San Telmo. Oviedo è  fuggito via dopo l’accaduto in auto ma poco dopo è stato arrestato assieme a un’altra persona e deve rispondere di omicidio. L’attaccante aveva già dei precedenti penali: nel 2011 fu condannato a tre anni con la condizionale per furto, due anni dopo venne fermato per aver aggredito una poliziotta.

Mai visto Giacomo Bettarini? Riservato e sportivo: ecco il figlio di Stefano e Simo