Lutto nel mondo del calcio italiano: a una settimana da quel malore, si è spento oggi un grande numero uno


 

Nove giorni fa era stato colpito da un arresto cardiaco mentre faceva jogging vicino casa sua a Ostrava, in Repubblica Ceca. Oggi è arrivata la drammatica notizia: l’ex portiere di calcio Pavel Srnicek non ce l’ha fatta.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Dopo una settimana di coma se ne va così un numero uno con esperienze in campo anche in Italia, tra i pali di Cosenza e Brescia all’inizio degli anni 2000. Le sue condizioni erano subito apparse gravissime: ricoverato in ospedale, Srnicek non aveva mai ripreso conoscenza, spirando nelle ore scorse al termine di un lungo coma indotto. A dare la notizia è stato l’agente del calciatore, Steve Wraith, che ha confermato il decesso.

Dopo l’esperienza nel nostro Paese, per l’ex portiere c’era stata sopratutto l’Inghilterra, con un amore particolare. Srnicek aveva infatti legato a lungo la carriera ai collori del Newcastle, squadra nella quale aveva militato dal 1991 al 1998 diventando in poco tempo l’idolo dei tifosi, girovagando poi tra tra Sheffield Wednesday, Portsmouth e West Ham. Con la nazionale della Repubblica Ceca ha collezionato la bellezza di 49 presenze.

12enne muore tragicamente durante una partita di calcio, i genitori, col cuore spezzato, decidono di fare qualcosa che lascia l’intera comunità senza parole…