Tragedia nel mondo dello sport: a soli 28 anni, in un drammatico incidente sul parapendio muore proprio lui, “il ragazzo dei record”


 

Dramma nel mondo dello sport: a soli 28 anni ci lascia un recordman degli sport estremi, capace nel 2012 di stabilire un nuovo primato mondiale. L’atleta è scomparso dopo un drammatico incidente: inutili i soccorsi da parte dell’eliambulanza, per lui non c’è stato nulla da fare.

(Continua dopo la foto)



La tragedia ha coinvolto Armin Holzer, 28enne di Sesto Pusteri, Bolzano. Il ragazzo è precipitato con il parapendio in un canalone, perdendo la vita nell’impatto con il suolo. Campione di slackline, il giovane venerdì era uscito per un giro insieme a un amico, decollando dall’Alto Adige. Attorno alle 16, durante il sorvolo del monte Piana a Auronzo di Cadore, qualcosa è andato storto.

Secondo le prime ricostruzioni, Holzer avrebbe avuto un problema con la vela e si è avvitato verso il suolo, finendo in un canalone a testa in giù. Il tragico impatto non gli ha lasciato scampo. Il suo amico ha chiamato il 118, che ha inviato sul posto l’eliambulanza con a bordo i volontari del Soccorso alpino di Auronzo e Dobbiaco e della Forestale.


L’elicottero è poi rientrato a causa del sopraggiungere del buio, e la salma è stata portata a valle via terra. Nel 2012, Holzer aveva stabilito il record mondiale di slackline – la camminata estrema su una fettuccia sospesa nel vuoto – passeggiando a quota 5 mila metri sul Muztaghata, in Cina.

“Non ricordo”. E il campione del mondo dimenticò la finale