MotoGp, il vergognoso retroscena: ”Valentino Rossi deve perdere”. Spunta un patto, un incontro segreto ai danni del Dottore. Ecco i dettagli


 

MotoGp, lo aveva detto Valentino Rossi del complotto spagnolo ma nessuno gli aveva creduto. Ora, però, dopo la maledetta gara a Sepang, in Malesia, si è capito che il Dottore non sbagliava. E lo sapeva ancor prima dell’attacco in conferenza stampa quando ha detto ”Marc vuole far vincere Jorge”, per poi rincarare la dose dopo la gara in Malesia: ”Forse si sono incontrati prima della tripla” (che, nel gergo della MotoGp sono le tre gare in trasferta: Giappone, Australia, Malesia, ndr). Il retroscena lo racconta Repubblica. Bisogna tornare indietro fino a un pomeriggio a cavallo tra settembre e ottobre.

(Continua a leggere dopo la foto)



La domenica precedente, ad Aragon, ha vinto Lorenzo, Rossi si è piazzato secondo: al maiorchino mancavano ancora 14 punti alla vigilia della ”tripla” di cui parla Rossi. In quel famoso pomeriggio, quello tra settembre e ottobre di cui sopra, Lorenzo era ad Andorra, in compagnia del suo manager, e ha incontrato un conoscente, al quale, prima di raccontare una confidenza, raccomanda massima discrezione che, è evidente, poi non c’è stata. Qualche giorno dopo, infatti, il conoscente in questione si lascia sfuggire che ad Andorra Lorenzo ha incontrato Marquez, lo spagnolo campione del mondo, che proprio lì passa diverso tempo ad allenarsi. E così, come spesso accade, il segreto passa di bocca in bocca.

Di quale segreto si sta parlando? Quello dell’incontro tra i due piloti in cui avrebbero stretto un patto, far perdere Valentino Rossi. Patto che mette d’accordo entrambi: l’uno per vendetta, l’altro per la sete di vittoria. Ma la voce, che ormai è sparsa a macchia d’olio, alla fine arriva anche a Rossi e al suo team: ”Me lo avevano detto (dell’incontro ad Andorra, ndr), ma non ci volevo credere”, commenta Vale.

Potrebbe anche interessarti: Moto Gp, il manager di Marquez ”sputtana” il pilota spagnolo e dà ragione a Valentino Rossi. Ecco cosa ha detto al Dottore (e suona proprio come prova che sia un complotto)